Il licenziamento della lavoratrice madre

24 novembre 2017 Il licenziamento della lavoratrice, dall’inizio del periodo di gravidanza fino al primo anno di vita del bambino, è vietato dall’art. 54 del d.lgs. n. 151 del 2001, il quale prevede, tuttavia, alcune tassative eccezioni a tale principio, ammettendolo esclusivamente nelle ipotesi di: “a) colpa grave da parte della lavoratrice, costituente giusta causa per ...

Continua a leggere...

Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

L’Inps e l’Enpam fanno il punto sui contributi derivanti dall’attività intramuraria.

22 giugno 2012

L’Inps (ormai divenuto l’Istituto di previdenza anche per il pubblico impiego e, dunque, anche per i medici e - più in generale - per il personale del SSN) e l’Enpam (l’Ente di previdenza dei medici), con una recente circolare congiunta hanno finalmente dettato chiare indicazione in ordine alla contribuzione applicabile all’attività intramuraria, in tutte le sue declinazioni.
Come certamente noto, l’attività intramoenia è, tipicamente, quella espletata – individualmente o in equipe – dalla dirigenza sanitaria con rapporto di lavoro esclusivo, al di fuori dell’orario di lavoro e delle attività istituzionali, “in favore e su libera scelta dell’assistito e con oneri a carico dello stesso o dei fondi integrativi del SSN” (cfr. anche art. 2, comma 1, del DPCM  27 marzo 2000).
Nelle intenzioni del legislatore, l’attività intramoenia avrebbe dovuto svolgersi prevalentemente all’interno della struttura di appartenenza, previa predisposizione di spazi ad hoc; nelle more, è stata concessa la possibilità (artt. 5, 6 e 7 del DPCM 27 marzo 2000) alle strutture di individuare “spazi sostitutivi in case di cura ed altre strutture, pubbliche e private non accreditate, con le quali stipulare apposite convenzioni” (cd. intramoenia allargata).
Al di là di tale ipotesi tipica di attività intramuraria (interna o in regime allargato), il DPCM 27 marzo 2000 include tra le attività libero professionali che i dirigenti sanitari possono svolgere in regime di intramoenia anche:
1)la partecipazione del suddetto personale ai proventi di attività, richiesta a pagamento da “singoli utenti” ai dirigenti e svolta, individualmente o in equipe, in strutture di altra Azienda del SSN nonché in altra struttura non accreditata (art. 2, comma 2); per espressa previsione di legge tali attività “sono consentite solo se a carattere occasionale e se preventivamente autorizzate di volta in volta con le modalità stabilite dalla convenzione” esistente tra gli Enti (art. 9);
2)l’attività professionale, richiesta a pagamento da “terzi” all’azienda, svolta fuori dall’orario di lavoro, all’esterno delle strutture aziendali, purchè “sia garantito il rispetto dei principi della fungibilità e della rotazione di tutto il personale che eroga le prestazioni” (art. 8)
3) l’attività professionale, richiesta a pagamento da “terzi” all’azienda, svolta fuori dall’orario di lavoro, all’interno delle strutture aziendali e finalizzata alla riduzione delle liste di attesa (art. 2, comma 3, art. 8 ed art. 10);
4)nonché le prestazioni richieste ai dirigenti delle discipline che hanno una limitata possibilità di svolgere la libera professione intramuraria “ad integrazione delle attività istituzionali, dalle aziende ai propri dirigenti, allo scopo di ridurre le liste di attesa o di acquisire prestazioni aggiuntive soprattutto in presenza di carenza di organico” (art. 2, comma 5, e art. 10 del DPCM 27 marzo 2000).
Per tutte queste attività rientranti nel concetto di “intramoenia”, l’Inps e l’Enpam hanno chiarito che i relativi contributi devono essere versati all’Enpam, rientrando nell’attività libero professionale.
Dubbi in proposito erano stati avanzati per via del trattamento fiscale riservato ai proventi derivanti da tale attività: secondo quanto previsto dall’art. 50, comma 1, lett. e) del Tuir, infatti, “i compensi per l’attività libero professionale intramuraria del personale dipendente del SSN” sono assimilati a quelli di lavoro dipendente; poiché nel nostro ordinamento il regime fiscale e quello previdenziale dei compensi seguono la medesima disciplina, tale previsione aveva creato alcune perplessità in ordine all’effettivo regime contributivo delle predette prestazioni, definitivamente fugate dalla circolare in commento.
Inoltre, secondo quanto chiarito dai due Enti di previdenza, sono assoggettati alla contribuzione presso l’Enpam anche le attività che - ai sensi dell’art. 13 del DPCM 27 marzo 2000 non rientrano nell’intramoenia, pur essendo svolte in regime libero professionale, a condizione che non siano remunerate da un’Amministrazione dello Stato,  quali: la partecipazione ai corsi di formazione, diplomi universitari e scuole di specializzazione e diploma, in qualità di docente; le collaborazioni a riviste e periodici scientifici e professionali; le partecipazioni a commissioni presso enti e Ministeri (commissione medica di verifica del Ministero del tesoro, di cui all'art.5, comma 2, del decreto legislativo 29 giugno 1998, n. 278, ed alle commissioni invalidi civili costituite presso le aziende sanitarie di cui alla legge 15 ottobre 1990, n. 295); le relazioni a convegni e pubblicazione dei relativi interventi; la partecipazioni a comitati scientifici e le partecipazioni ad organismi istituzionali della propria categoria professionale o sindacale.
Secondo quanto chiarito da Inps ed Enpam sono, invece, assoggettate alla contribuzione presso l’Inps le attività non istituzionali che, pur non rientrando nella libera professione intramuraria, siano invece remunerate da un’Amministrazione dello Stato anche diversa da quella di appartenenza, nonché le indennità destinate alla perequazione (ai sensi dell’art. 4 del citato DPCM).
 
 

pdf-icon Versione stampabile