Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Incentivo economico per l'assunzione di giovani genitori

21/10/2011

 

L’art.1, commi 72 e 73, legge 247/2007 ha istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri il “Fondo di sostegno per l’occupazione e l’imprenditoria giovanile”, in favore del quale il Ministro della Gioventù, con decreto del 19 novembre 2010, ha stanziato l’importo di ben 51 milioni di euro.
Lo scopo dell’istituzione di tale fondo è quello di realizzare – attraverso la creazione di una banca dati che raccolga i nominativi dei giovani genitori e l’incentivo economico in favore dei datori di lavoro che assumano i soggetti ivi iscritti – interventi in favore dell’occupazione di persone di età non superiore a 35 anni e con figli minori.
L’INPS, con la recente circolare n.115 del 5 settembre 2011, ha finalmente emanato le istruzioni operative per il funzionamento di questa banca dati che verrà gestita dall’ente previdenziale.
Segnatamente è stato specificato che in essa possono iscriversi i soggetti in possesso di tutti i seguenti requisiti:
• età non superiore a 35 anni (tale requisito sussiste fino al compimento del 36° anno di età);
• genitori di un figlio minore (almeno uno, anche in presenza di altri figli maggiorenni);
• titolari di un rapporto di lavoro rientrante nelle seguenti tipologie: contratto a tempo determinato; contratto di somministrazione; lavoro intermittente; lavoro ripartito; contratto di inserimento; collaborazione a progetto o occasionale; collaborazione coordinata e continuativa;
• ovvero che siano cessati da uno dei precedenti rapporti e risultino iscritti, nel periodo di inattività, presso il competente Centro per l’Impiego.
I genitori in possesso dei sopra descritti requisiti possono iscriversi alla banca dati attraverso il sito internet dell’INPS, accedendo alla sezione “servizi al cittadino” e seguendo le relative indicazioni.
I datori di lavoro che procedono all’assunzione dei soggetti iscritti nella banca dati - attraverso un contratto di lavoro a tempo indeterminato (seppure a part time) - possono godere di un incentivo economico pari ad € 5.000,00 per ciascun soggetto assunto e per un massimo di 5 lavoratori (con un limite, dunque, di € 25.000,00).
Il beneficio spetta soltanto ai datori di lavoro costituiti da imprese private o società cooperative che non abbiano proceduto nei 6 mesi precedenti all’assunzione a licenziamenti per giustificato motivo oggettivo o per riduzione del personale e che non abbiano in atto sospensioni dal lavoro o riduzioni di orario per crisi aziendali o ristrutturazioni (salvo che l’assunzione sia finalizzata all’acquisizione di professionalità sostanzialmente diverse da quella dei lavoratori licenziati o sospesi).
Il datore di lavoro interessato non deve, inoltre, procedere all’assunzione in attuazione dell’obbligo previsto dalla legge 68/99 in favore dei disabili ed il lavoratore assunto non deve essere stato licenziato, nei 6 mesi precedenti all’assunzione, dalla medesima impresa o da impresa collegata.
Si precisa che l’incentivo spetta non solo in caso di assunzione a tempo indeterminato, anche parziale, ma - altresì - nell’ipotesi di trasformazione a tempo indeterminato di un contratto a termine, seppure a part time; la sua fruizione, inoltre (che avviene tramite conguaglio del relativo credito nella dichiarazione Uniemens), è cumulabile con altri incentivi previsti dalle norme vigenti.
Per l’operatività del beneficio in argomento si dovrà attendere la pubblicazione di un apposito avviso, da parte dell’INPS, nella Gazzetta Ufficiale, che – si auspica – avvenga quanto prima, in quanto l’iscrizione dei giovani genitori nella banca dati e la relativa assunzione da parte dei datori di lavori interessati non potrà avvenire prima di quella data.

 

pdf-icon Versione stampabile