Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Imponibilità ai fini iva delle operazioni di distacco del personale

24/02/2012

Con la recente sentenza n. 23021 del 7 novembre 2011, le Sezioni Unite della Cassazione hanno definitivamente risolto i dubbi interpretativi sorti in merito all’applicabilità dell’imposta sul valore aggiunto alle operazioni di distacco del personale, richiamando gli operatori del diritto ad una interpretazione letterale di quanto disposto dall’art. 8, comma 35, l. 67/1988, ai sensi del quale “non sono da intendere rilevanti ai fini dell'imposta sul valore aggiunto i prestiti o i distacchi di personale a fronte dei quali è versato solo il rimborso del relativo costo”.
Tale norma, come noto – pur essendo stata emanata al fine di comporre un contrasto sorto in seno allo stesso Ministero delle Finanze (cfr. Ministero delle Finanze, risoluzioni n. 502712/1973; n. 411847/1981; n. 333652/1981 e, a contrario, risoluzione n. 363853 del 31 ottobre 1986) – ha, a sua volta, dato luogo a due opzioni interpretative tra di loro difformi.
Sulla base di tale disposizione, infatti, l’opzione giurisprudenziale tradizionale della Cassazione ha ritenuto  che “il distacco o prestito di personale non costituisce operazione imponibile, purché l'impresa beneficiaria corrisponda il solo costo di tale utilizzazione, e cioè la retribuzione, gli oneri fiscali e previdenziali, e le spese sostenute dai dipendenti” (Cass. 1788/1996).
Di tale avviso, peraltro, si è mostrata anche la Commissione Tributaria Centrale, la quale ha altresì aggiunto che "per escludere dall'assoggettamento ad IVA le somme percepite per prestiti o distacchi di personale, occorre l'esatta corrispondenza di esse a quanto pagato dal distaccante", non essendo pertanto possibile concordare corrispettivi medi o forfettari (cfr. sent.  n. 3523 del 10 maggio 2001).
Di recente, tuttavia, la Suprema Corte – mediante quattro sentenze di contenuto analogo emanate nel 2010 - ha mutato il proprio originario orientamento, stabilendo che le operazioni di distacco siano rilevanti ai fini IVA solamente nei casi in cui il distaccatario versi al distaccante una somma superiore al costo sostenuto da quest’ultimo per il personale; secondo tali pronunce, infatti, qualora l’importo pattuito tra le parti risulti pari od inferiore al costo sostenuto dal distaccante, l’operazione rimane fuori dal campo d’applicazione dell’IVA, mentre nel caso in cui venga concordata una somma superiore, il distaccatario è tenuto a pagare l’imposta soltanto sulla parte eccedente il costo del personale distaccato (Cass. nn. 19129, 19130, 19131 e 19132 del 2010).
Orbene, le Sezioni Unite della Cassazione – mediante la sentenza in esame – si sono pronunciate in aperto contrasto con tale ultimo approdo giurisprudenziale, ritenendo che l’art. 8, comma 35, l. n. 67 del 1988 “deve essere inteso nel senso che il distacco di personale è irrilevante ai fini dell'IVA soltanto se la controprestazione del distaccatario consista nel rimborso di una somma esattamente pari alle retribuzioni ed agli altri oneri previdenziali e contrattuali gravanti sul distaccante.
Solo in tal caso, pertanto, l’intera operazione è del tutto al di fuori del campo d’applicazione IVA, mentre qualora il corrispettivo pattuito dalle parti risulti inferiore o superiore al costo sostenuto dal distaccante, l’erogazione dello stesso “comporta, secondo le regole, l'imponibilità dell'(intero) importo versato dal distaccatario”.
Allo stato, pertanto, risulta pienamente confermata l’originaria impostazione della questione e, di conseguenza, si ritiene che le strutture potranno considerare le operazioni di distacco del personale escluse dal campo d’applicazione dell’IVA solamente nel caso in cui, nell’ambito delle stesse, il distaccatario si impegni a corrispondere al distaccante una somma pari ai costi realmente sostenuti da quest’ultimo per il personale distaccato, senza, peraltro, che vi sia la possibilità di riferirsi a parametri di costo medi o forfettari.
Tale soluzione, peraltro, appare quanto mai opportuna anche sotto il profilo giuslavoristico, atteso che, come noto, il ricorso all’istituto del distacco deve essere motivato da un interesse (temporaneo) del distaccante e – secondo le precisazioni fornite dal Ministero del Lavoro (circolare n. 28/2005) – “deve escludersi la legittimità di un distacco fondato su una ragione meramente economica, che può essere tanto l'interesse ad un corrispettivo, come sopra evidenziato, quanto il solo interesse al risparmio del costo del lavoro”.
In questo senso, pertanto, secondo il parere del medesimo Dicastero - al fine di evitare che, in caso di contenzioso o di ispezioni amministrative, possa riscontrarsi la sussistenza di una somministrazione irregolare di lavoro – sarà opportuno che l'importo del rimborso non superi “quanto effettivamente corrisposto al lavoratore dal datore di lavoro distaccante” (Ministero del Lavoro, circolare 3/2004).

 

pdf-icon Versione stampabile