Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Ancora non è stato emanato il decreto in materia di detassazione

18 maggio 2012

Nell’ultimo periodo sono giunti molti quesiti da parte di strutture sanitarie, alle prese con il dilemma se applicare o meno la detassazione in attesa che venga emanato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, che – come già precisato con precedente nota disponibile alla pagina web http://www.studiocostantino.it/archivio-news/regime-fiscale-e-previdenziale/regime-di-detassazione-per-lanno-2012 - dovrebbe stabilire i requisiti per poter beneficiare dell’agevolazione in questione.
Al riguardo, infatti, si rammenta che – ai sensi dell’art. 33 l. 183/2011 (c.d. Legge di Stabilità per il 2012) – la definizione “dell'importo massimo assoggettabile all'imposta sostitutiva (…) nonché il limite massimo di reddito annuo oltre il quale il titolare non può usufruire dell'agevolazione (…)” è demandata ad un apposito DPCM, emanato di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, al fine di garantire il rispetto delle somme stanziate per tale forma di incentivazione.
In assenza di tale decreto, qualora i datori di lavoro applicassero comunque la detassazione (ad esempio continuando a fare riferimento ai requisiti stabiliti per il 2011), potrebbero, in un secondo momento, trovarsi nella (scomoda ed impopolare) situazione di dover procedere al recupero delle imposte non versate nei mesi precedenti, nel caso in cui i limiti per il 2012 risultassero più restrittivi.
Orbene, allo stato tale decreto non è ancora stato emanato e ciò, evidentemente, sta causando non pochi imbarazzi a molti datori di lavoro, che si trovano a dover fronteggiare il malcontento dei propri dipendenti.
Tale situazione appare ancor più aggravato dall’atteggiamento assunto dall’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Ministero dell’Economia, il quale, rispondendo a quesiti di privati cittadini, ha assunto un atteggiamento ambiguo, precisando che la detassazione è operativa sin dal 1 gennaio 2012, senza che vi sia la necessità di un ulteriore provvedimento normativo (cfr. articolo apparso su ItaliaOggi del 14 aprile u.s.).
In proposito, si rileva che tale affermazione – di per sé corretta (in quanto la detassazione è già vigente, sebbene non ancora completamente operativa attesa la mancata definizione dei suoi requisiti) – non risolveva tuttavia le problematiche applicative sopra rappresentante ma, anzi, contribuiva ad aumentare il malcontento dei lavoratori.
Al fine di “correggere il tiro”, pertanto, il medesimo URP, in data 19 aprile, ha inviato una ulteriore nota di chiarimento (questa volta al quotidiano on line Fiscal Focus), precisando che “la norma sulla detassazione (o meglio, sulla tassazione con imposta sostitutiva del 10% per gli incrementi produttivi nel settore privato) non è immediatamente applicabile; è indispensabile, infatti, che la Presidenza del Consiglio dei Ministri di concerto con questo Ministero emani preliminarmente un DPCM, per stabilire l'importo massimo assoggettabile all'imposta sostitutiva e il limite massimo di reddito annuo oltre il quale il titolare non può usufruire dell'agevolazione. (art. 33 – comma 12 – legge 183/2011 – Legge di Stabilità 2012)”. 
Allo stato, pertanto, si conferma l’opportunità – già espressa in numerosi pareri – di attendere l’emanazione del decreto di cui trattasi, prima di riconoscere ai lavoratori i benefici derivanti dalla detassazione, con effetto evidentemente retroattivo a partire dalla data di stipula degli appositi accordi sindacali di secondo livello.