Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Nuove linee guida in materia di tirocini

17/04/2015

La Conferenza Stato/Regioni, in data 18 dicembre 2014, ha predisposto un documento contenente nuove Linee Guida per un’ulteriore tipologia di tirocini, ovvero “i tirocini di orientamento, formazione e inserimento/reinserimento finalizzati all’inclusione sociale, all’autonomia delle persone e alla riabilitazione”.
Con repertorio n.7/CSR del 22 gennaio 2015 è stato, poi, sancito l’accordo definitivo sul predetto documento che dovrà essere recepito dalle Regioni e Province autonome entro 6 mesi dalla data di adozione in sede di Conferenza Stato/Regioni.
Le nuove Linee Guida rinviano, invero, per molti aspetti a quelle dello scorso 24 gennaio 2013 con cui sono state dettate nuove regole in materia; tuttavia rilevano la necessità di istituire e disciplinare in maniera specifica la citata tipologia di tirocinio finalizzata ad agevolare l’inclusione sociale di soggetti “presi in carico dal servizio sociale professionale e/o dai servizi sanitari competenti”.
Il riferimento, a titolo esemplificativo, è a persone affette da disabilità e/o invalidità fisiche e/o psichiche, ovvero soggetti con problemi di dipendenza da alcool o stupefacenti o, ancora, con problemi di carattere penale, che attraverso lo strumento del tirocinio potrebbero essere più facilmente inserite nel mondo del lavoro, superando così la loro emarginazione  sociale.
Il vantaggio per chi avvia un tirocinio di tale tipologia è che la loro durata massima è doppia rispetto a quella di altre tipologie, ovvero di 24 mesi che potrebbero anche essere prorogati o ripetuti oltre tale durata “in seguito all’attestazione della sua necessità da parte del servizio pubblico che ha in carico la persona”, seppure le Regioni e le Provincie autonome abbiano la possibilità di prevedere, in sede di attuazione delle Linee Guida, eventuali deroghe in materia di durata e ripetibilità dei tirocini in questione.   
Inoltre, diversamente rispetto alle altre tipologie di tirocini, non è previsto l’obbligo di corresponsione di alcuna indennità al tirocinante da parte del soggetto ospitante; infatti, sul punto, l’art. 5 delle Linee in esame stabiliscono che “l’indennità è corrisposta, di norma [dunque, fatte salve eventuali deroghe disposte in sede regionale, n.d.r.] da parte dell’ente responsabile che ha preso in carico il tirocinante”.
Infine è anche prevista che la nuova tipologia di tirocini sia sottratta ai limiti numerici previsti dalle Linee Guida del 24 gennaio 2013 con riferimento al numero massimo dei tirocini attivabili all’interno della medesima unità operativa.
Per quanto attiene agli altri aspetti del rapporto (dunque, ad esempio, l’individuazione dei soggetti ospitanti, dei soggetti promotori, le garanzie assicurative ovvero le comunicazioni obbligatorie agli enti competenti) si rinvia espressamente alla disciplina già contenuta nelle Linee guida del 24 gennaio 2013 (e, di conseguenza, nelle specifiche normative regionali).
Considerato che i tirocini non costituiscono per espressa definizione normativa “un rapporto di lavoro” (tanto che non sono soggetti al versamento di contribuzione previdenziale e retribuzione, fatta salva una mera indennità che, nei casi in esame, non è neppure posta a carico delle aziende), tali strumenti certamente potrebbero costituire una valida occasione per formare unità lavorative, impartendo loro particolari competenze utili alle aziende (una volta, beninteso, che la nuova normativa sia recepita nelle sedi competenti, le quali hanno facoltà di definire particolari modalità organizzative al fine di garantire l’inclusione sociale, l’autonomia della persona e la riabilitazione che saranno successivamente oggetto di esame).

 

 

pdf-iconversione stampabile