Il licenziamento della lavoratrice madre

24 novembre 2017 Il licenziamento della lavoratrice, dall’inizio del periodo di gravidanza fino al primo anno di vita del bambino, è vietato dall’art. 54 del d.lgs. n. 151 del 2001, il quale prevede, tuttavia, alcune tassative eccezioni a tale principio, ammettendolo esclusivamente nelle ipotesi di: “a) colpa grave da parte della lavoratrice, costituente giusta causa per ...

Continua a leggere...

Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Interruzione del periodo di prova

31 marzo 2017

Più volte giungono richieste di indicazioni circa il comportamento da seguire in caso di eventi interruttivi della prestazione lavorativa durante il patto di prova.
In proposito la giurisprudenza (ex multis, Cass. n. 19043 del 2015) occupandosi dell'argomento, ribadisce come, salva diversa previsione da parte della contrattazione collettiva, le eventuali assenze (o comunque interruzioni dell'attività lavorativa) non debbano essere computate all'interno del periodo di prova; pertanto, nel caso di un'assenza prolungata tale periodo deve intendersi come sospeso.
Tale principio, naturalmente, vale solamente nel caso in cui l'interruzione sia "inaspettata", non dovendosi computare a tal fine l'interruzione dell'attività lavorativa per riposi settimanali e giorni festivi.
Ma procediamo con ordine.
La sentenza prende spunto da un ricorso effettuato da una lavoratrice che - dopo aver sottoscritto un verbale di conciliazione con il quale ha rinunciato ad impugnare un precedente contratto a tempo determinato a fronte di una futura assunzione a tempo indeterminato, è stata licenziata per mancato superamento del periodo di prova a causa di vari eventi di malattia circa 5 mesi dopo l'assunzione, mentre il periodo di prova fissato dalla contrattazione collettiva era pari a 3 mesi.
Tale licenziamento è stato poi impugnato dalla lavoratrice, per due differenti motivi:
-    nullità del patto di prova, in ragione della genericità delle mansioni alle quali la lavoratrice era stata adibita e dell'esistenza di un precedente rapporto di lavoro;
-    avvenuto completamento del periodo di prova.
Tali richieste sono state accolte in primo grado, ma respinte dalla Corte d'Appello.
Tuttavia, la Suprema Corte, in conformità a quanto già sancito nella precedente sentenza n. 4573/12, ha fornito un'interpretazione completamente differente del fatto in esame.
Quanto all'esistenza di un precedente rapporto di lavoro, la Cassazione ha ritenuto che il lungo lasso di tempo intercorso tra il pregresso rapporto e il nuovo abbiano legittimato la necessità di esperire nuovamente un periodo di prova, al fine di verificare la sussistenza e l'idoneità della lavoratrice a ricoprire la posizione lavorativa.
In tal prospettiva, a nulla rileva la circostanza che il precedente vincolo con la lavoratrice si sia interrotto a causa della scadenza del termine; tale interpretazione dei giudici di legittimità è ancora più condivisibile sol che si consideri quanto sia ben collaudata la prassi di utilizzare contratti a termine proprio al fine di "provare" il lavoratore per un tempo più lungo del normale periodo di prova!
La Corte si è pronunciata in maniera inequivocabile affermando come il periodo di prova non debba necessariamente essere considerato superato al sopraggiungere del giorno di calendario previsto, dovendosi invece tenere conto dei giorni in cui non si è prestata attività lavorativa per motivazioni non prevedibili.
Tra queste motivazioni gli Ermellini hanno individuato: la malattia, l'infortunio, la gravidanza, il puerperio, i permessi e lo sciopero; non sono invece state considerate come cause imprevedibili di interruzione dell'attività lavorativa i riposi settimanali e le festività.
Ciò nondimeno, la Suprema Corte ritiene che tale elenco possa essere modificato dalla contrattazione collettiva, la quale ha piena facoltà di inserire o eliminare ipotesi di interruzione del patto di prova, con il relativo diritto (o meno) al completamento del suddetto periodo.
Quanto infine all'idoneità delle ferie ad interrompere il periodo di prova, gli Ermellini hanno dato parere negativo; ciò in virtù del fatto che le ferie hanno la funzione di "consentire al lavoratore il recupero delle energie lavorative dopo un cospicuo periodo di attività", senza che ciò si possa - di norma - verificare durante il periodo di prova (che si svolge nella parte iniziale del rapporto di lavoro).

pdf-iconversione stampabile