Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Comunicazione in materia di lavoro somministrato entro il 31 gennaio 2014

31/01/2014

Come noto, l’art. 24 del d.lgs. 276/2003 prevede in capo all’utilizzatore, in caso di stipula di contratti di somministrazione di lavoro, l’onere di comunicare alla rappresentanza sindacale unitaria, ovvero alle rappresentanze aziendali e, in mancanza, alle associazioni territoriali di categoria aderenti alle confederazioni dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale:
a)  il numero e i motivi del ricorso alla somministrazione di lavoro prima della stipula del contratto di somministrazione;
b)  ogni dodici mesi, il numero e i motivi dei contratti di somministrazione di lavoro conclusi, la durata degli stessi, il numero e la qualifica dei lavoratori interessati.
Tali obblighi – esistenti sin dalla data di entrata in vigore della Riforma Biagi – hanno acquistato una reale efficacia a decorrere dal 6 aprile 2012, data nella quale, per effetto della l. 24/2012, è stata prevista una sanzione pecuniaria per la violazione degli stessi di importo variabile da euro 250 a euro 1.250.
Prima di tale data, invece, il mancato adempimento di quanto sopra poteva, al più, essere qualificato come condotta antisindacale.
La comunicazione di cui alla precedente lettera a) viene espressamente qualificata come preventiva e, pertanto, l’utilizzatore è tenuto ad effettuarla prima della stipula del contratto di somministrazione, salvo motivate ragioni d’urgenza (nel qual caso, comunque, la stessa deve essere effettuata comunque entro i cinque giorni successivi).
La seconda tipologia di comunicazioni, invece, è consuntiva e l’utilizzatore è tenuto ad inviarla con frequenza annuale.
A tal proposito, il Ministero del Lavoro, con nota del 3 luglio 2012, attese le evidenti incertezze interpretative, è intervenuto al fine di chiarire che il termine massimo per la trasmissione della comunicazione di cui trattasi è il 31 gennaio di ciascun anno.
Le strutture, pertanto, entro il 31 gennaio 2014, dovranno fornire alle proprie rappresentanze sindacali accurate informazioni in merito ai contratti di lavoro somministrato stipulati dal 1 gennaio al 31 dicembre 2013.

 

pdf-iconVersione stampabile