Il licenziamento della lavoratrice madre

24 novembre 2017 Il licenziamento della lavoratrice, dall’inizio del periodo di gravidanza fino al primo anno di vita del bambino, è vietato dall’art. 54 del d.lgs. n. 151 del 2001, il quale prevede, tuttavia, alcune tassative eccezioni a tale principio, ammettendolo esclusivamente nelle ipotesi di: “a) colpa grave da parte della lavoratrice, costituente giusta causa per ...

Continua a leggere...

Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Le ragioni sostitutive nel contratto a termine dopo le modifiche introdotte dalla legge n.78/2014 e il diritto di precedenza

27/06/2014

 

Come noto, a seguito delle modifiche introdotte dalla legge n. 78/2014 i contratti a termine possano essere stipulati senza l’indicazione di una causale giustificativa.
Tuttavia, alcune particolari considerazioni vanno formulate con riguardo ai contratti a tempo determinato aventi una finalità sostitutiva.
Infatti, a tal proposito, il testo della legge di conversione ha modificato l’art. 1 del d.lgs. n.368/2001, nel senso di stabilire che, fatto salvo quanto disposto dall’art. 10, comma 7, del medesimo decreto, il numero complessivo di contratti a tempo determinato non può superare il limite del 20% del numero dei lavoratori a tempo indeterminato in forza al 1° gennaio dell’anno di assunzione.
Ebbene il citato comma 7 dell’articolo 10 prevede – tra l’altro – che siano esenti da limiti quantitativi per l’appunto i contratti stipulati per ragioni di carattere sostitutivo.
Per di più l’INPS, con messaggio n. 4152 del 17 aprile 2014 ha precisato, altresì,  che, per quanto sia venuta meno la causale ai fini della legittimità del contratto a tempo determinato, ove quest’ultimo venga stipulato in relazione ad una sostituzione i datori di lavoro dovranno continuare ad indicare la ragione sostituiva nella compilazione del flusso UniEmens allo scopo di non corrispondere il contributo addizionale all’Aspi dell’1,4% (non previsto per tale tipologia contrattuale) .
Di conseguenza, al fine di beneficiare dei vantaggi sopra descritti, occorrerà ancora precisare la ragione del contratto a termine quando essa abbia natura sostitutiva ed in tal caso – pur nel silenzio della legge sul punto – si ritiene ragionevole affermare che la data di scadenza possa essere fissata anche “per relationem”, ovvero al rientro in servizio del lavoratore sostituito.
Peraltro, la recente novella legislativa in materia di contratto a termine – attraverso la previsione di un nuovo diritto di precedenza in favore delle lavoratrici madri, come pure con l’obbligo di richiamare espressamente nel contratto di assunzione i diritti di precedenza normativamente previsti – fa rivivere le questioni interpretative sorte a seguito della precedente modifica del d. lgs. n. 368/01 con la quale fu introdotto tale diritto. Al proposito si rileva che non vi è alcuna previsione normativa in ordine ai criteri da utilizzare per la concreta individuazione del soggetto da assumere nell’ambito della platea dei possibili interessati, vale a dire tra coloro che abbiano correttamente e tempestivamente manifestato la volontà di esercitare tale diritto.
In assenza di riferimenti legislativi specifici, pertanto, ragioni di buona fede e correttezza – che sempre devono ispirare l’applicazione e l’interpretazione dei contratti – impongono di utilizzare criteri il più possibile obiettivi e verificabili.
Esemplificativamente, potrà darsi rilievo alla precedenza temporale nella manifestazione della volontà di esercizio del diritto di precedenza, ovvero – in caso di coincidenza temporale e mutuando dai criteri di scelta dei lavoratori da licenziare nell’ambito delle procedure di mobilità – alla maggiore durata del/i rapporto/i a termine intercorso/i, ovvero ancora ai carichi familiari.
In alternativa, sarebbe anche possibile raggiungere intese sindacali sul punto, individuando in modo condiviso con le OO.SS. i criteri da utilizzare in ipotesi di concorso di più titolari del diritto di precedenza.
A tale proposito, infatti, l’art. 5, comma 4-quater d. lgs. 368/01 – proprio sul diritto di precedenza nei termini allora esistenti – era stato modificato dalla la l. 133/08 prevedendo tale diritto “fatte salve diverse disposizioni di contratti collettivi stipulati anche a livello aziendale”, in tal modo pertanto consentendo alla contrattazione collettiva, anche decentrata, di incidere significativamente in merito.

pdf-iconversione stampabile