Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Immodificabilità della contestazione disciplinare e sua successiva integrazione

13 aprile 2012
Come ormai ben noto, la giurisprudenza ritiene che una contestazione disciplinare – perché possa legittimamente condurre ad una sanzione – deve possedere i requisiti della tassatività e della determinatezza.
In buona sostanza, essa deve essere sufficientemente specifica da consentire al lavoratore accusato di conoscere esattamente quanto gli viene contestato, affinché sia in grado di discolparsi dagli addebiti.
Il grado di specificità della contestazione, tuttavia, è soggetto al vaglio giudiziale e, sul punto, la giurisprudenza si è da tempo attestata su un principio volto a garantire la “complessiva sufficienza” della medesima, che – ove pure non indichi tutte le circostanza del caso concreto – può considerarsi legittima purché sia idonea a far comprendere al dipendente il fatto addebitato.
Emblematica una recente pronuncia della Corte di Cassazione (Cass. 24567/11).
Nella fattispecie, un lavoratore di un’azienda milanese veniva licenziato all’esito di un procedimento disciplinare nel quale gli veniva contestato di essersi recato in più occasioni presso una pizzeria, durante l’orario di lavoro e per svolgere attività estranee al servizio. Tale fatto veniva contestato al dipendente unitamente alla circostanza che, nell’immediatezza dei fatti, i suoi superiori lo avevano verbalmente richiamato per quella mancanza.
La peculiarità della vicenda – che aveva determinato le doglianze del lavoratore – consisteva nell’invio da parte dell’azienda, a licenziamento effettuato, di un’ulteriore missiva in cui si specificavano il nome ed il numero civico del locale in questione.
Riteneva, infatti, il dipendente licenziato che la contestazione disciplinare sulla quale si fondava il recesso fosse carente della sufficiente determinatezza, violando il suo diritto di difesa, illegittimamente compresso dalla genericità dell’addebito, in nessun modo sanabile attraverso la successiva missiva di specificazione di circostanze assolutamente rilevanti, consegnata addirittura dopo il recesso.
Sul punto, tuttavia, la Suprema Corte (Cass. 24567/2011) rigetta il ricorso del lavoratore, evidenziando la correttezza della decisione della Corte territoriale sul punto, la quale aveva accertato che, sebbene la contestazione disciplinare contenesse un’imprecisione circa l’esatta denominazione della pizzeria e del numero civico del locale, essa descriveva comunque in modo puntuale il comportamento tenuto dal medesimo, richiamando peraltro la contestazione verbale che gli era stata fatta immediatamente dai suoi superiori, in tal modo rendendo in equivoche le indicazioni fornite dalla contestazione. 
In buona sostanza, a giudizio della Suprema Corte, la contestazione era sufficientemente specifica da consentire al lavoratore di comprendere a quali fatti essa si riferisse e, quindi, da consentirgli di adeguatamente difendersi. In tale stato di cose – stante la complessiva sufficienza della motivazione - la successiva missiva di specificazione della contestazione si rivelava sostanzialmente irrilevante, essendo volta a correggere imprecisioni di portata non essenziale rispetto all’esatta individuazione dei fatti addebitati e tale pertanto da non determinare alcuna lesione del diritto di difesa e al contraddittorio.
Né essa, aggiungono gli Ermellini, può validamente intendersi quale integrazione alla contestazione, atteso che – secondo un principio in più occasioni espresso dal Supremo Collegio – l’integrazione dell’originaria formulazione delle censure non determina una immutazione della contestazione allorché le circostanze nuove addotte dal datore di lavoro non risultino determinanti per l’esatta individuazione e comprensione dei fatti oggetto di censura, ma riguardano allegazioni volte a fornire precisazioni e chiarimenti a tal scopo non essenziali, dovendosi viceversa qualificare come nuova contestazione disciplinare solo quella che incide sul nucleo essenziale dell’addebito.