Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Deroghe alla necessaria pubblicità del codice disciplinare per l’irrogazione della sanzione

24/10/2014

La recente giurisprudenza della Corte di Cassazione ha trattato con la pronuncia n. 18462 del 29 agosto 2014 la possibilità per il datore di lavoro, in occasioni di particolari infrazioni commesse dal lavoratore, di procedere all’avvio di procedimenti disciplinari senza che sia stata predisposta l’obbligatoria pubblicità delle norme disciplinari di cui all’art. 7 della legge 300/1970.
Al proposito, si rammenta, infatti, che la citata disposizione prevede che “Le norme disciplinari relative alle sanzioni, alle infrazioni in relazione alle quali ciascuna di esse può essere applicata ed alle procedure di contestazione delle stesse, devono essere portate a conoscenza dei lavoratori mediante affissione in luogo accessibile a tutti”.
Nel caso di specie, la Suprema Corte è stata chiamata a pronunciarsi su un provvedimento di sospensione disciplinare comminato ad un lavoratore che non aveva rispettato l’orario di lavoro; la Corte d’Appello, confermando la legittimità della sanzione (ritenendo peraltro provata in altri giudizi la pubblicità del codice disciplinare) ha affermato che “l’inosservanza dell’orario di lavoro non richiederebbe neppure l’affissione del codice disciplinare in quanto riguarderebbe lo stesso rapporto sinallagmatico delle prestazioni delle parti”.
Il lavoratore soccombente in appello ha proposto ricorso in Cassazione lamentando (tra gli altri motivi di impugnazione) la necessità che l’inosservanza dell’orario di lavoro sia, invece, adeguatamente inclusa nel codice disciplinare e debitamente portata a conoscenza dei lavoratori.
Gli ermellini, nel confermare quanto sostenuto dai giudici di merito, sulla base di un consolidato orientamento giurisprudenziale, hanno espresso il principio secondo il quale “in tutti i casi nei quali il comportamento sanzionabile sia immediatamente percepibile dal lavoratore come illecito, perché contrario al c.d. minimo etico o a norme di rilevanza penale, non sia necessario provvedere alla affissione del codice disciplinare, in quanto il lavoratore ben può rendersi conto, anche al di là di una analitica predeterminazione dei comportamenti vietati e delle relative sanzioni da parte del codice disciplinare, della illiceità della propria condotta” (cfr. Cass. n. 5115 del 30 marzo 2012).
Nel caso in esame la condotta tenuta dal lavoratore, sebbene non avesse rilevanza penale, era idonea a ledere il normale rapporto obbligatorio sinallagmatico nato in virtù della stipulazione di un qualsiasi contratto di diritto privato e, pertanto, il lavoratore ben avrebbe potuto rendersi conto che la violazione dell’orario di inizio del turno lavorativo poteva comportare l’adozione dei provvedimenti disciplinari del caso, al di là della sua previsione o meno nel codice disciplinare affisso.
In conclusione, ferma restando la necessità che le norme comportamentali siano adeguatamente affisse nei luoghi di lavoro, i datori di lavoro saranno comunque legittimati ad adottare i previsti provvedimenti disciplinari anche in tutte quelle ipotesi che, benché non incluse nei regolamenti interni, costituiscono condotte di per sé, immediatamente rilevabili come contrarie agli obblighi contrattuali, a doveri etici o a norme penali.
Costantino & partners

pdf-iconversione stampabile