Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Vietato divulgare i motivi dell'assenza dei dipendenti

10 ottobre 2014

Il Garante della privacy è tornato di recente a pronunciarsi in materia di tutela della riservatezza sul luogo di lavoro, censurando il comportamento di una società di trasporti che indicava nel prospetto dei turni esposti in bacheca ed accessibili dalla intranet aziendale i motivi dell’assenza del singolo lavoratore.
In sostanza, la predetta azienda – al fine di contenere il malcontento dei lavoratori chiamati a sostituire i colleghi in casi di assenze non programmate e di fornire a tutto il personale un quadro complessivo delle disponibilità e delle assegnazioni dei lavoratori, secondo quanto si legge nelle motivazioni riportate nel provvedimento del Garante del 3 luglio 2014 – nelle tabelle riportanti i turni di lavoro del personale soleva riportare accanto alla matricola di ciascun dipendente il motivo dell’assenza, attraverso l’utilizzo di sigle sintetiche volte ad indicare: la malattia (MA), i permessi per assistenza a disabili (PAD), i permessi per motivi sindacali (PS), le sospensioni disciplinari (S).
L’azienda, nell’adottare un simile modello, si era peraltro premurata di adottare tutte le precauzioni perché dal suddetto sistema non scaturissero violazioni della privacy: ad esempio, nei turni era riportata esclusivamente la matricola del dipendente assente e non il nominativo; inoltre i prospetti erano esposti in una bacheca il cui accesso era riservato unicamente agli addetti, ovvero sulla intranet aziendale in cui i dipendenti potevano accedere solo alle informazioni di loro interesse inserendo una password personale, senza che potesse dunque configurarsi alcuna diffusione di dati personali o riservati del personale.
Eppure il Garante non ha ritenuto sufficienti simili cautele: a giudizio dell’Authority, chiamata a pronunciarsi sulla vicenda dal sindacato aziendale che ha denunciato la violazione della privacy, nonostante le precauzioni adottate, le modalità del trattamento posto in essere dalla società avrebbero reso indebitamente edotti i lavoratori circa le vicende personali dei loro colleghi, dando luogo ad una illecita comunicazione di dati personali (art. 4, co. 1, lett. I) e art. 11, comma 1, lett. a) del d.lgs. n. 196/03).
In particolare, secondo il Garante sarebbero stati violati i principi di pertinenza e non eccedenza, in quanto non sarebbe necessario, a suo giudizio, che i lavoratori siano messi al corrente delle specifiche ragioni dell’assenza dei colleghi, essendo sufficiente che gli stessi siano edotti semplicemente dei turni loro assegnati, nonché della eventuale necessità di provvedere alla sostituzione di altri lavoratori assenti.
E’ evidente come una simile conclusione non tenga in adeguata considerazione le esigenze organizzative e di serena gestione dei rapporti che avevano indotto l’azienda a predisporre i turni inserendo le informazioni in ordine all’eventuale assenza dei lavoratori.
Inoltre, le asserite violazioni della privacy individuate dal Garante sembrano presupporre che ogni lavoratore conosca il numero di matricola dei colleghi, atteso che, non essendo indicato il nominativo dei lavoratori, non si comprende come si possa ricondurre la causale dell’assenza al singolo dipendente, violando così il suo diritto alla riservatezza.
E’ evidente che una simile impostazione finisca per ingessare ancora di più la gestione dei rapporti di lavoro, rischiando di creare inutili tensioni tra il datore di lavoro ed i dipendenti in nome di un diritto alla riservatezza di pochi (i lavoratori assenti) che, mai come in questo caso, avrebbe dovuto cedere il passo al diritto all’informazione di molti (ossia i dipendenti richiamati in servizio durante i periodi di riposo).

pdf-iconversione stampabile