Il licenziamento della lavoratrice madre

24 novembre 2017 Il licenziamento della lavoratrice, dall’inizio del periodo di gravidanza fino al primo anno di vita del bambino, è vietato dall’art. 54 del d.lgs. n. 151 del 2001, il quale prevede, tuttavia, alcune tassative eccezioni a tale principio, ammettendolo esclusivamente nelle ipotesi di: “a) colpa grave da parte della lavoratrice, costituente giusta causa per ...

Continua a leggere...

Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Legittimo l’uso dei dati personali del lavoratore ai fini disciplinari

31/10/2013

Sovente i datori di lavoro si interrogano circa la legittimità dell’utilizzo di informazioni relative ai propri dipendenti, acquisite nel corso di indagini finalizzate all’accertamento di condotte inadempienti.
In tale materia, le perplessità maggiori sono legate alla cd. legge sulla privacy da molti, erroneamente, ritenuta un ostacolo insormontabile al legittimo uso dei dati personali del lavoratore acquisiti dal datore di lavoro.
A far chiarezza sulla – invero complessa materia – è recentemente intervenuta la Suprema Corte (Cass. 17204 dell’11 luglio 2013), che si è occupata di una questione nella quale è intervenuto anche il Garante per la privacy.
Nella fattispecie, un vicedirettore di banca veniva licenziato per giusta causa, a seguito di un’indagine interna promossa dall’istituto bancario, che aveva evidenziato movimenti abnormi di denaro su conti intestati al dipendente ed alla moglie del medesimo, nonché varie altre anomalie ed irregolarità allo stesso attribuibili.
Il lavoratore ricorreva al Garante, contestando, tra l’altro, la legittimità dell’acquisizione dei dati in questione – da ritenersi riservati – e la conseguente inutilizzabilità degli stessi.
Il Garante, tuttavia, rilevava la liceità del trattamento operato dal datore di lavoro, in quanto pertinente e non eccedente rispetto alle finalità per le quali i dati erano stati raccolti e successivamente trattati, nonché in quanto dette informazioni erano state utilizzate dalla banca nell’esercizio del potere disciplinare proprio del datore di lavoro, ben potendo quest’ultimo procedere a proprie indagini senza attendere l’esito di eventuali accertamenti in sede penale.
Rilevava, inoltre, il Garante che il trattamento dei dati in questione doveva ritenersi legittimo anche in considerazione del fatto che esso era stato operato dalla banca per far valere i propri diritti ai fini della loro tutela in sede giudiziaria, acquisendo il materiale probatorio necessario, ipotesi per la quale non è necessario il consenso dell’interessato al trattamento dei dati, purché beninteso essi siano trattati esclusivamente per tali finalità e per il periodo strettamente necessario al loro perseguimento, come espressamente previsto dall’art. 24, co. 1, lett. f), d. lgs. 196/03.
Dopo essersi visto rigettare il ricorso avverso il provvedimento del Garante, il dipendente adiva la Corte di Cassazione, ribadendo le proprie doglianze in ordine alla illegittimità della condotta datoriale.
I Supremi Giudici, tuttavia, rigettano nuovamente le argomentazioni del lavoratore, evidenziando la correttezza dell’operato della banca, conforme alla norma da ultimo citata, e richiamando l’orientamento della giurisprudenza di legittimità che ritiene derogabile la disciplina dettata a tutela dell’interesse alla riservatezza dei dati personali quando il relativo trattamento sia esercitato per la difesa di un interesse giuridicamente rilevante e nei limiti in cui ciò sia necessario per la tutela di quest’ultimo interesse.
Sul punto, di particolare interesse la pronuncia con la quale gli Ermellini hanno affermato che “la produzione in giudizio di documenti contenenti dati personali è sempre consentita ove necessaria per esercitare il proprio diritto di difesa, anche in assenza del consenso del titolare e quali che siano le modalità con cui è stata acquisita la loro conoscenza.” (Cass. 3358/09).
I datori di lavoro possono essere più tranquilli. E’ legittimo l’uso in giudizio dei dati personali del dipendente, come pure l’uso dei dati medesimi ai fini disciplinari.

 

 

pdf-iconversione stampabile