Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Nuovi interpelli del Ministero del Lavoro in materia di permessi ex art.33 della legge 104/92

29/7/2011

Il Ministero del Lavoro con due recenti interpelli, nn. 21 e 24 del 17 giugno 2011, ha fornito alcuni chiarimenti in materia di utilizzazione del permessi c.d. “104”.
In particolare l’interpello n. 21 affronta la questione (particolarmente attuale in questo periodo) dell’eventuale riproporzionamento dei permessi nell’ipotesi in cui il dipendente, nel medesimo mese, usufruisca di un periodo di ferie.
Il Ministero, in primo luogo, rammenta che le ferie hanno lo scopo di consentire un recupero delle energie psicofisiche nonché la realizzazione di <<esigenze anche ricreative personali e familiari>>, diversamente dai benefici riconosciuti dall’art. 33 della legge 104/92, che, come anche la Corte Costituzionale fin dal 1996 (cfr sentenza n. 325/96) ha avuto modo di evidenziare, hanno la finalità di supportare moralmente e materialmente il disabile, contribuendo a far superare i molteplici ostacoli che egli incontra quotidianamente nelle attività sociali e lavorative e nell’esercizio di diritti costituzionalmente protetti.
In ogni caso, prosegue il Ministero, considerato che lo scopo della legge “104,” così come modificata di recente dall’art. 24 della legge  n.183/2010 (c.d. collegato Lavoro) è quello di garantire al disabile un’assistenza morale e materiale adeguata, appare evidente che le ferie ed i permessi in argomento costituiscono due istituti totalmente diversi e, pertanto, “non interscambiabili”.
Da tale assunto, l’interpello n. 21 conclude che la fruizione delle ferie non possa incidere sul godimento dei congedi ex legge 104/92 e che, conseguentemente, non sia possibile operare un riproporzionamento degli stessi in base ai giorni di ferie fruiti nel medesimo mese.
L’interpello n. 24 affronta, invece, la diversa problematica del “referente unico per l’assistenza alla stessa persona in situazione di handicap grave”.
In proposito si rammenta che, in virtù delle modifiche apportate dal Collegato lavoro, il nuovo comma 3° dell’art. 33 della legge 104/92 ha espressamente chiarito che <<il predetto diritto [ovvero quello ai 3 giorni di permesso mensili n.d.r.] non può essere riconosciuto a più di un lavoratore dipendente per l’assistenza alla stessa persona con handicap in situazione di gravità>>.
Proprio in virtù della suindicata limitazione, l’INPS - con messaggio del 25 gennaio 2011 - aveva stabilito l’obbligo per gli uffici competenti di riesaminare le domande presentate da più soggetti per l’assistenza della medesima persona disabile, in quanto lo stesso Istituto, con circolare  n. 90 del 23 maggio 2007, aveva notevolmente allargato l’ambito dei soggetti beneficiari dei permessi in questione, eliminando in effetti la necessità della sussistenza dei requisiti dell’esclusività e continuità dell’assistenza.
Con l’interpello n. 24/2011 il Ministero del Lavoro ha confermato che la disposizione normativa nella sua nuova articolazione tende, invece, nuovamente a tipizzare il requisito dell’esclusività disponendo specificatamente che i permessi possono essere accordati ad un unico lavoratore per assistere la stessa persona.
A conferma di quanto sopra, l’interpello rammenta che il legislatore, quando ha voluto individuare fattispecie in deroga a tale regola, lo ha espressamente indicato; come l’art. 33, 3° comma, della legge 104/92, nella versione modificata dal Collegato Lavoro, il quale prevede che <<per l’assistenza allo stesso figlio con handicap in situazione di gravità, il diritto è riconosciuto ad entrambi i genitori, anche adottivi, che possono fruirne alternativamente>>.

 

pdf-icon Versione stampabile