Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Sentenza della Corte di Cassazione n. 2443915 sull’indennità di turno

19 febbraio 2016

Con la sentenza in esame, la Suprema Corte ha ammesso il diritto – per i dipendenti del comparto del SSN – a percepire l’indennità di turno per i giorni di riposo compensativo (fruiti a compensazione di prestazioni eccedenti il debito orario pianificato), pur escludendo la corresponsione dell’indennità per il sesto giorno lavorativo considerato a zero ore.
La suddetta interpretazione giudiziale si fonda sul fatto che l’art. 44 del ccnl del comparto Sanità prevede espressamente, al terzo comma, che «…l’indennità [di turno, n.d.r.] non può essere corrisposta nei giorni di assenza dal servizio a qualsiasi titolo effettuata, salvo per i riposi compensativi».
In virtù di tale previsione contrattuale, dunque, i giudici di legittimità hanno rigettato la domanda avanzata da alcuni dipendenti di una azienda ospedaliera piemontese relativa al pagamento dell’indennità di turno per il sesto giorno ed accogliendola - diversamente - per quanto concerne i giorni di riposo fruiti per effetto dei minuti eccedenti il debito orario giornaliero.
Peraltro la rivendicazione formulata dalle organizzazioni sindacali, sulla scorta della citata sentenza, non risulta neppure corretta atteso che i giudici di legittimità con la suindicata decisione hanno, in effetti, escluso il riconoscimento dell’indennità di turno per il sesto giorno lavorativo considerato a zero ore (ovvero il sabato), ammettendola - di contro - per il giorno di riposo compensativo (fruito a compensazione dei minuti di lavoro eccedenti il debito orario giornaliero).
Tale pronunzia giudiziale, tuttavia, non può avere alcun riverbero nei confronti dei lavoratori dipendenti delle struttura sanitarie private, posto che i contratti collettivi della sanità privata non prevedono il pagamento dell’indennità di turno né per le giornate di riposo né per le giornate lavorative a zero ore.
Per quanto sopra, le strutture private potranno sicuramente respingere le eventuali istanze sindacali tendenti al riconoscimento dell’indennità di turno per le giornate di assenza per riposi compensativi e (ancor più) per sabati non lavorati.

 

 

pdf-iconversione stampabile