Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

La Cassazione torna a pronunciarsi sul tempo tuta.

22 luglio 2016

Recentemente, la Suprema Corte - con l'ordinanza n. 11755/2016 - è tornata nuovamente ad occuparsi di un tema sul quale è spesso intervenuta negli ultimi anni, vale a dire se il tempo di vestizione e svestizione del lavoratore rientri nell’orario di lavoro e, come tale, vada retribuito.
Anche nell’occasione, la Corte conferma il proprio ormai consolidato orientamento in proposito, ribadendo sostanzialmente i principi espressi nelle precedenti pronunce sul tema (di cui vi è un’ampia rassegna), ivi compresa la recente sentenza n. 1352/2016, che - sia pur non direttamente richiamata - risulta tuttavia ampiamente citata nell’ordinanza in esame.
Ed invero, i principi ivi espressi sono i medesimi ormai costantemente ribaditi da circa un decennio dalla Suprema Corte in materia, confermando ancora una volta i Supremi Giudici che “il tempo impiegato per indossare la divisa sia da considerarsi lavoro effettivo, e debba pertanto essere retribuito, ove tale operazione sia diretta dal datore di lavoro, il quale ne disciplina il tempo e il luogo di esecuzione, ovvero si tratti di operazioni di carattere strettamente necessario ed obbligatorio per lo svolgimento dell’attività lavorativa…”.
Nella fattispecie, un infermiere di un ospedale chiedeva la condanna della ASP al pagamento dei 20 minuti giornalieri asseritamente impiegati per indossare e dismettere la divisa di lavoro in tutti i turni di servizio effettuati negli ultimi cinque anni di lavoro.
Il Tribunale rigettava la domanda e così pure la Corte d'Appello successivamente adita. Il lavoratore ricorreva pertanto per la cassazione di tale ultima pronuncia, risultando tuttavia nuovamente soccombente.
In particolare, la Suprema Corte - pur dando atto dell'inammissibilità del ricorso - entra ugualmente nel merito della questione sottoposta al suo esame, cogliendo l'occasione per ribadire i concetti sul punto già espressi in oltre un decennio di pronunce sul tema.
E così, gli Ermellini - richiamando i propri precedenti in materia - evidenziano che la regola fissata dall'art. 3, R.D.L. 692/23, a mente della quale "è considerato lavoro effettivo ogni lavoro che richieda un'occupazione assidua e continuativa", non preclude che il tempo impiegato per indossare la divisa sia da considerarsi lavoro effettivo, e debba pertanto essere retribuito, ove tale operazione sia diretta dal datore di lavoro, che ne regolamenti il tempo ed il luogo di esecuzione, ovvero si tratti di operazioni di carattere strettamente necessario ed obbligatorio per lo svolgimento dell'attività lavorativa.
Tale regola, peraltro, secondo la Suprema Corte non è superata dalla disciplina contenuta nel d. lgs. 66/03, attuativo delle direttive comunitarie in materia di orario di lavoro, e si pone in senso conforme alle statuizioni della giurisprudenza comunitaria.
Ribadisce la Corte, pertanto, come - al di là dell'ipotesi in cui la vestizione di una divisa da lavoro costituisca operazione strettamente necessaria ed obbligatoria per lo svolgimento dell'attività lavorativa - il cd. tempo tuta costituisca orario di lavoro solo quando sia etero-diretto.
Viceversa, in difetto di direttive specifiche da parte del datore di lavoro, l'attività di vestizione rientra nella diligenza preparatoria inclusa nell'obbligazione principale e, in quanto tale, non dà luogo ad un'autonoma retribuzione.
Nel caso di specie, i Supremi Giudici rilevano come la Corte territoriale avesse debitamente verificato che l'infermiere era effettivamente tenuto ad indossare la divisa nel luogo e con le modalità indicate dal datore di lavoro, ma che non risultasse in alcun modo dimostrato che gli fosse richiesto di anticipare l'ingresso in servizio e di posticiparne l'uscita al fine di indossare gli abiti da lavoro, anzi rilevandosi come le direttive aziendali si limitassero ad imporre ai lavoratori di indossare la divisa successivamente all'entrata ed a dismetterla prima dell'uscita dal servizio.
In difetto di tale prova, il tempo tuta risultava essere stato regolarmente retribuito in quanto collocato all'interno dell'orario di servizio, con conseguente rigetto della pretesa risarcitoria.
Alla luce di quanto sopra, in assenza di modifiche all’orientamento in precedenza espresso, restano pertanto attuali le indicazioni a suo tempo rese dallo scrivente in materia (http://www.studiocostantino.it/appunti/non-si-rifugga-da-un-accordo-sui-tempi-di-vestizione), rilevandosi ancora una volta l’utilità e l’opportunità di accordi volti a regolamentare il tempo di vestizione, impedendone in tal modo un’eccessiva ed ingiustificata dilatazione da parte dei lavoratori, a detrimento dell’attività lavorativa.   
Costantino&partners

 

pdf-iconversione stampabile