Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Risposta del Ministero del Lavoro all'interpello proposto dall'Aris in ordine all'attività intramoenia per il personale non medico

10/03/2011

In data 8 marzo u.s., il Ministero del Lavoro ha risposto all’interpello proposto dall’Aris lo scorso 20 aprile 2010 in ordine alla regolamentazione dell’attività intramuraria eventualmente prestata dal personale sanitario (non medico) dipendente.
Il quesito dell’Aris mirava ad ottenere l’esplicito assenso del Ministero in ordine alla possibilità per il personale non medico (non solo infermieri e tecnici di radiologia o di laboratorio, ma anche professionisti – quali, ad esempio, logopedisti e fisioterapisti - per i quali non esiste un apposito Albo professionale), dipendente di strutture sanitarie private, di svolgere attività libero professionale in regime di intramoenia in favore delle stesse.
In caso di valutazione positiva, si chiedeva poi al Ministero conferma della possibilità di:
1)    non assoggettare i compensi derivanti dalle predette prestazioni agli obblighi contributivi tipici del rapporto di lavoro subordinato;
2)    ritenere le prestazioni in discorso escluse dall’ambito di applicabilità delle limitazioni in materia di orario di lavoro (riposi giornalieri, settimanali, straordinario, etc.) di cui al d.lgs. n. 66/03.
I dubbi in proposito, nascevano innanzitutto dall’assenza di qualsiasi riferimento legislativo che potesse far ritenere lecita (in quanto non contraria alle norme imperative che regolano il rapporto di lavoro) una simile iniziativa; i casi in cui i lavoratori dipendenti sono stati ammessi a prestare attività libero professionale in favore dei propri datori di lavoro sono stati, infatti, tassativamente previsti dal legislatore (basti pensare alla regolamentazione dell’attività intramoenia per il personale medico, nonché alla disciplina delle prestazioni aggiuntive rese da infermieri e tecnici di radiologia medica prevista dalla previgente l. n. 1/2002).
Con nota n. 15 dell’8 marzo 2011, la Direzione Generale per l’Attività Ispettiva del Ministero ha confermato innanzitutto la possibilità anche per il personale non medico di svolgere attività libero professionale in regime intramurario in favore delle strutture di appartenenza.
Richiamando il consolidato orientamento giurisprudenziale, secondo cui ogni attività umana può indifferentemente formare oggetto di un rapporto di lavoro subordinato o autonomo a seconda che ricorra o meno l’assoggettamento al potere direttivo ed organizzativo del datore di lavoro, il Ministero ha specificato che ove l’attività intramoenia consista nell’erogazione dell’attività lavorativa in piena autonomia, sia per quanto riguarda i modi di svolgimento che i tempi, la stessa possa essere considerata quale attività libero professionale a tutti gli effetti e come tale possa essere espletata anche nei confronti del proprio datore di lavoro.
Partendo da tali considerazioni, il Ministero ha poi precisato che i compensi derivanti dalle predette prestazioni non devono essere assoggettati agli obblighi contributivi tipici del lavoro subordinato e che, trattandosi di attività libero professionale, non saranno neppure applicabili alle stesse le limitazioni in materia di orario di lavoro previste dalla vigente normativa in materia di lavoro dipendente.
Alla luce di quanto chiarito dal Ministero, ai fini della legittimità dell’attività prestata dai propri dipendenti in regime libero professionale sarà, pertanto, necessario che lo svolgimento della stessa sia attentamente regolamentato, così da distinguere quanto più possibile tale attività da quella istituzionale svolta dagli stessi lavoratori (evitando qualsivoglia commistione tra le due e, soprattutto, differenziando le modalità di svolgimento della prestazione che, nell’attività intramuraria, non dovranno evidenziare la sussistenza degli indici tipici della subordinazione).

Di seguito il testo integrale della risposta ad interpello.

pdf-iconTESTO INTEGRALE DELLA RISPOSTA AD INTERPELLO