Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Costi della sanità pubblica e della sanità privata

9 gennaio 2015

Il recente “Rapporto Crea” dell’Universita di Tor Vergata pubblicato sul Sole 24 ore il 17 novembre u.s., nonché i dati forniti dal Ministero della Salute per l’anno di riferimento 2011, offrono l’occasione per confrontare i costi del personale medico ed infermieristico tra il Servizio Sanitario Nazionale e la sanità privata.
A) Settore Pubblico
Dalla predetta indagine, risulta che, nell’arco dell’anno, per ogni unità infermieristica e per ogni unità medica il Servizio Sanitario nazionale sostiene rispettivamente circa 57.816,29 e 125.847,64 euro di costi.
Tale media nazionale è ponderata tenendo conto del numero di lavoratori nonché dei costi imputabili ad ogni singola regione, dati che variano sensibilmente dal nord a sud del paese.
Le ragioni della varianza dei costi della sanità da regione a regione dipende principalmente da tre fattori principali: la diversa composizione dei fondi integrativi (che incidono sugli oneri previdenziali e assicurativi dei lavori), il rapporto tra personale medico e personale infermieristico, la diversa anzianità di servizio.
A tal proposito,  si evidenzia che al sud, seppur in presenza di un rapporto infermieri/medici che varia da 1,7 a 2,1 (decisamente inferiore alla media nazionale che si assesta a 2,43), il costo medio per unità di personale (sia medico che infermieristico) è superiore di circa 20.000 euro l’anno rispetto al nord (73.358,30 euro).
Al nord, invece, nonostante il rapporto infermieri per medico sia decisamente superiore alla media nazionale (pari a quasi tre infermieri per ogni medico), le retribuzioni del personale medico sono generalmente inferiori rispetto ai pari ruolo del sud e, pertanto, il costo medio per unità di personale si attesta a circa 57.493,32 euro.
B) Settore privato
Con riferimento al settore privato, i dati elaborati in base al ccnl Aris per il personale infermieristico e al ccnl Aris-Amnirs per il personale medico dirigente mostrano che, in media, un infermiere costa ogni anno 41.900,05 euro, senza indennità di coordinamento (44.168,60 euro qualora venga riconosciuta la predetta indennità), mentre il costo per ogni medico dirigente è pari a 114.241,12 euro (media calcolata tra i vari incarichi di dirigenza).
Appare evidente dunque la differenza di costi con il settore pubblico, la sanità privata spende circa 16.000 euro in meno per ogni singolo infermiere e circa 11.000 euro in meno per ogni medico rispetto al SSN.
Il suddetto differenziale è imputabile, per la parte più rilevante, ai rinnovi della parte economica dei ccnl della sanità privata (personale non medico e dirigenza medica) fermi al biennio 2006/2007; invece, per la sanità    pubblica, i rinnovi dei ccnl si sono susseguiti fino al successivo biennio 2008/2009.
Costantino & partners

 

 

pdf-iconversione stampabile