Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Ulteriori chiarimenti dell’INPS sul congedo parentale ad ore”.

15 dicembre 2015

L’INPS, con messaggio del 3 novembre 2015 n. 6704, ha fornito ulteriori delucidazioni sulle modalità di godimento del congedo parentale con modalità oraria che sembra aver suscitato moltissimo interesse nella sfera dei destinatari.
In particolare l’ente previdenziale, in materia di cumulabilità dei congedi ad ore con altri riposi o permessi previsti dal Testo Unico contenente disposizioni sulla maternità e paternità (ovvero il d.lgs. n.151/2001), ha ribadito che la contrattazione collettiva, anche di livello aziendale, può prevedere criteri di cumulabilità diversi da quelli stabiliti dall’art.32, comma 1-ter, del citato T.U., come modificato dal d.lgs. n. 80/15.
Tale disposizione recita testualmente che: «in caso di mancata regolamentazione da parte della contrattazione collettiva, anche di livello aziendale, delle modalità di fruizione del congedo parentale ad ore su base oraria ciascun genitore può scegliere tra la fruizione giornaliera e quella oraria…Nei casi di cui al presente comma è esclusa la cumulabilità della fruizione oraria del congedo parentale con permessi o riposi di cui al presente decreto legislativo…».
L’incumulabilità, precisa l’INPS, risponde evidentemente all’esigenza di “conciliare i tempi di vita e di lavoro utilizzando il congedo in modalità oraria essenzialmente nei casi in cui il lavoratore intenda assicurare, nella medesima giornata, una (parziale) prestazione lavorativa”.
Esaminando i vari permessi e riposi previsti dal T. U. sulla maternità e paternità, pertanto risulta che:
• il congedo parentale ad ore non è cumulabile con il congedo parentale ad ore previsto per un altro figlio, trattandosi di permessi entrambi disciplinati dall’art. 32 del T.U.;
• il congedo parentale ad ore non è cumulabile con i riposi giornalieri (c.d. ex permessi per allattamento), trattandosi di permessi disciplinati dagli artt.39 e 40 del T.U. in favore della lavoratrice madre o del lavoratore padre;
• il congedo parentale ad ore non è cumulabile con i permessi orari fruiti in alternativa al congedo parentale prolungato fino al terzo anno di vita del bambino.
A tal riguardo si rammenta che, ai sensi degli artt. 33 e 42 del T.U., i genitori di minori con handicap in situazione di gravità accertata hanno diritto (attualmente entro il dodicesimo anno di vita del bambino) di godere di un prolungamento del congedo parentale della durata massima di tre anni, ovvero - in alternativa - di due ore di riposo giornaliero retribuito. Ebbene l’art. 42 del T.U. prevede espressamente che tali ore di permesso giornaliero siano compatibili con il congedo parentale ordinario ma, ai sensi della nuova disposizione introdotta dal d.lgs. n.80, evidentemente non quando il congedo parentale sia utilizzato in modalità oraria;
• il congedo parentale ad ore (pur nel silenzio della circolare previdenziale in esame) non si ritiene cumulabile, inoltre, con i permessi per malattia del figlio che i genitori possono utilizzare, nel limite di cinque giorni lavorativi all'anno, per le malattie di ogni figlio di età compresa fra i tre e gli otto anni, trattandosi di permessi disciplinati dall’art. 47. del T.U.;
• il congedo parentale ad ore, precisa l’INPS, è invece cumulabile con i permessi previsti dall’art, 33 della legge 104/92 fruiti con modalità oraria sia per sé stessi sia per assistere i familiari.
Come già sopra ricordato, comunque, i criteri di compatibilità possono anche essere diversamente regolamentati dalla contrattazione collettiva di livello anche aziendale.
A tale livello sarebbe opportuno anche disciplinare diversamente il termine di preavviso entro il quale i genitori sono tenuti ad avvertire il datore di lavoro della loro intenzione di utilizzare il congedo con modalità oraria.
Infatti, il comma 3 dell’art. 32 del T.U. prevede che, il genitore “salvi i casi di oggettiva impossibilità” deve preavvisare il datore di lavoro della intenzione di utilizzare il congedo parentale “secondo le modalità stabilite dai contratti collettivi” e, comunque, con un termine di preavviso non inferiore a 5 giorni; il termine di preavviso è, invece, pari a 2 giorni nel caso di congedo parentale su base oraria.
Stante la ristrettezza del suddetto termine, considerato che il datore di lavoro si troverebbe a sostituire il lavoratore per un orario finanche pari alla “metà dell’orario medio giornaliero”, sarebbe, pertanto, opportuno regolamentare diversamente il preavviso, concedendo al datore di lavoro un lasso di tempo maggiore per poter far fronte alle esigenze organizzative derivanti dalla improvvisa necessità di sostituzione.
Sotto tale profilo, pertanto, la scelta del legislatore appare criticabile, in quanto - nel contemperamento delle esigenze familiari e di tutela del bambino con quelle aziendali, avrebbe potuto prevedere un termine più ampio (come quello di 5 giorni previsto per il godimento del congedo parentale ordinario) ovvero rimettere espressamente (al fine di agevolare la contrattazione) anche agli accordi collettivi di livello aziendale la relativa disciplina.
In ogni caso, si ritiene che tra “le modalità di fruizione del congedo parentale su base oraria” -  che il comma 1-ter dell’art. 32 del T.U. rimette agli accordi sindacali di qualsiasi livello - possa ricomprendersi anche la regolamentazione del preavviso, rivestendo tale ultimo elemento una particolare importanza per la gestione concreta del congedo in esame.
Costantino & partners

 

 

pdf-iconversione stampabile