Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

La nuova disciplina delle mansioni

3 luglio 2015

Proseguendo l’esame delle novità introdotte dai Decreti Legislativi n. 80 e 81 del 2015, dopo aver affrontato con precedente nota le disposizioni in materia di collaborazioni autonome, si intende ora fornire un panorama delle modifiche introdotte dal legislatore per quanto riguarda le mansioni dei lavoratori dipendenti.
Anche sotto tale profilo, infatti, il Jobs Act interviene in modo assolutamente rilevante sulla previgente normativa – fondata, come noto, sul divieto di adibizione a mansioni inferiori e sulla nullità degli eventuali patti contrari – modificando il concetto di “mansioni equivalenti” e di “ius variandi” e disciplinando legislativamente il c.d. repechage.
Per ciò che attiene al primo aspetto (equivalenza e ius variandi), deve rilevarsi che il legislatore ha sostituito la precedente nozione di mansioni equivalenti, fondata (secondo la giurisprudenza) sul bagaglio professionale acquisito dal lavoratore in virtù dell’attività svolta, con un concetto di tipo contrattuale.
Il primo comma del nuovo art. 2103 c.c. (in vigore dal 25 giugno 2015), infatti, dispone che il lavoratore debba  essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto o a quelle corrispondenti all'inquadramento superiore che abbia successivamente acquisito ovvero a mansioni riconducibili allo stesso livello e categoria legale di inquadramento delle ultime effettivamente svolte.
Analogamente con quanto già avviene nel pubblico impiego, pertanto, è stata introdotta anche nel lavoro privato l’idea per cui tutte le qualifiche inquadrate nel medesimo livello contrattuale sono tra di loro equivalenti e, quindi, indifferentemente assegnabili ai lavoratori, salvo, naturalmente, il possesso dei titoli eventualmente prescritti.
Il d.lgs. 81/2015, inoltre, ha previsto che, in caso di modifica degli assetti organizzativi aziendali che incida sulla propria posizione, il lavoratore possa essere assegnato a mansioni appartenenti al livello di inquadramento inferiore, purché rientranti nella medesima categoria legale.
Di conseguenza, in caso di ristrutturazioni o di riorganizzazioni, i lavoratori interessati dalle modifiche organizzative potrebbero anche essere adibiti a mansioni inferiori rientranti nel livello contrattuale immediatamente inferiore, purché ciò non comporti, ad esempio, l’assegnazione di un impiegato a mansioni di tipo operaio e viceversa.
Il mutamento di mansioni, inoltre, deve essere accompagnato, ove necessario, dall'assolvimento dell'obbligo formativo, il cui mancato adempimento non determina comunque la nullità dell'atto di assegnazione delle nuove mansioni.
Il nuovo testo dell’art. 2103 c.c., inoltre, superando un precedente tabù - invero già scalfito nel 2006  da una importante sentenza delle Sezioni Unite della Cassazione (sent. n. 25033) – consente alla contrattazione collettiva di individuare ulteriori ipotesi di assegnazione di mansioni appartenenti al livello di inquadramento inferiore, purché rientranti nella medesima categoria legale (dirigenti, quadri, impiegati e operai).
In ogni caso, tuttavia, la norma precisa che il mutamento di mansioni previsto dalla contrattazione collettivo o dalla suddetta disposizione di legge deve essere comunicato per iscritto, a pena di nullità, e che il lavoratore ha diritto alla conservazione del livello di inquadramento e del trattamento retributivo in godimento, fatta eccezione per gli elementi retributivi collegati a particolari modalità di svolgimento della precedente prestazione lavorativa.
In entrambi i casi sopra indicati (mutamento di mansioni per modifiche organizzative o per altre ipotesi previste dai contratti collettivi), il demansionamento costituisce un esercizio dello ius variandi del datore di lavoro e, pertanto, non richiede alcun accordo tra le parti e, tuttavia, non consente alcuna riduzione della retribuzione.
Diversa, invece, è l’ipotesi del repechage, e cioè del mutamento di mansioni (e, in questo caso, anche di livello economico) effettuato, di norma al fine di evitare un licenziamento, nell’interesse del lavoratore.
In tale evenienza, infatti, la norma richiede un accordo tra le parti (c.d. patto di demansionamento), stipulato in una sede protetta (sindacale, DTL, giudiziale o commissioni di certificazione), con cui è possibile stabilire una “modifica delle mansioni, della categoria legale e del livello di inquadramento e della relativa retribuzione, nell'interesse del lavoratore alla conservazione dell'occupazione, all'acquisizione di una diversa professionalità o al miglioramento delle condizioni di vita”.
Infine, una ultima innovazione introdotta dal d.lgs. 81/2015, riguarda il c.d. meccanismo di promozione automatica, in forza del quale, salvo i casi di sostituzione di colleghi assenti, il lavoratore temporaneamente addetto a mansioni superiori, matura il diritto alla definitività delle stesse una volta che sia decorso un determinato periodo.
In precedenza, come noto, tale periodo era stabilito dalla legge, in maniera inderogabile, in tre mesi.
Il nuovo testo dell’art. 2103 c.c., invece, prevede che in caso di assegnazione a mansioni superiori “il lavoratore ha diritto al trattamento corrispondente all'attività svolta e l'assegnazione diviene definitiva, salvo diversa volontà del lavoratore, ove la medesima non abbia avuto luogo per ragioni sostitutive di altro lavoratore in servizio, dopo il periodo fissato dai contratti collettivi o, in mancanza, dopo sei mesi continuativi”.
Anche sotto tale profilo, pertanto, viene attribuita una notevole importanza alla contrattazione (individuale o collettiva), atteso che il lavoratore può ben rinunciare al proprio diritto alla “promozione” e, inoltre, i contratti collettivi possono prevedere liberamente l’arco temporale di cui trattasi.
Per il momento, tuttavia, si segnala che i vigenti ccnl (stipulati sulla base della previgente normativa) prevedono tutti che l’adibizione a mansioni superiori divenga definitiva dopo un periodo pari a tre mesi; al fine di rendere operativa la nuova disciplina, pertanto, occorrerà modificare i contratti collettivi in essere.
Costantino & partners

pdf-iconversione stampabile