Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Esenzione dalle fasce di reperibilità

1 aprile 2016

 

Sulla Gazzetta Ufficiale del 21 gennaio u.s. è stato pubblicato il d.m. 11 gennaio 2016, con il quale il Ministro del Lavoro, in attuazione di quanto previsto dal Jobs Act (art. 25 d.lgs. 151/2015), ha individuato i lavoratori che – nel settore privato – sono esonerati dal rispetto delle c.d. fasce di reperibilità.
Come noto, ai sensi del d.m. 15 luglio 1986, i dipendenti privati, in caso di malattia, sono tenuti a rendersi reperibili presso il domicilio per le eventuali visite di controllo disposte dall’Inps (d’ufficio o su richiesta del datore di lavoro) tutti i giorni, compresi i domenicali o festivi, dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 17 alle ore 19.
Con riferimento al pubblico impiego, invece, tali fasce sono state ampliate con d.m. 18 dicembre 2009, cosicché i lavoratori delle p.a., in caso di malattia, sono tenuti rendersi reperibili presso il proprio domicilio tutti i giorni, dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 18.
Nel settore pubblico, inoltre, il suddetto decreto ministeriale aveva già previsto specifici casi in cui il lavoratore era esonerato dal rispettare il suddetto obbligo, ma tale disciplina non trovava applicazione nei confronti dei lavoratori privati.
Ciò posto, con il decreto in esame il Ministero, sulla base di quanto previsto dal citato d.lgs. 151/2015, è intervenuto al fine di individuare “le esenzioni dalla reperibilità per i lavoratori subordinati dipendenti dai datori di lavoro privati”, prevedendo che sono esclusi da detto obbligo i dipendenti per i quali l'assenza è eziologicamente riconducibile ad una delle seguenti circostanze:
a) patologie gravi che richiedono terapie salvavita risultanti da idonea documentazione, rilasciata dalle competenti strutture sanitarie, che attesti la natura della patologia e la specifica terapia da effettuare;
b) stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta che abbia determinato una riduzione della capacità lavorativa in misura pari o superiore al 67%.
Con tale intervento normativo – seppur con il meritevole intento di definire regole chiare, al fine di evitare che l’incertezza sulla sussistenza o meno dell’obbligo di rispettare le fasce di reperibilità frustri, di fatto, le esigenze sia del datore di lavoro, sia del dipendente – il Governo ha, tuttavia, ampliato la discriminazione cui, come da anni denunziato dall’Aris, devono soggiacere i datori di lavoro privati rispetto alla pubblica amministrazione, la quale, come sopra evidenziato, a fronte della previsione delle esenzioni di cui trattasi, ha beneficiato di un significativo ampliamento delle fasce di reperibilità.
Il Decreto in esame, pertanto, rende ancor più urgente che il Dicastero competente provveda quanto prima ad adottare tutti i provvedimenti normativi necessari al fine di rimuovere tale evidente disparità di trattamento.

 

pdf-iconversione stampabile