Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Violazione dell'obbligo di repechage e risarcimento del danno

25/10/2013

Come noto, in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo il datore di lavoro che adduca a fondamento del licenziamento la soppressione del posto di lavoro cui era addetto il lavoratore ha l’onere di provare, non solo che al momento del licenziamento non sussisteva alcuna posizione di lavoro analoga a quella soppressa ma anche di aver prospettato, o comunque verificato, la possibilità di un reimpiego del lavoratore (con esclusione della sua riqualificazione, cfr. Cass. civ., sez. lav., 11 marzo 2013, n. 5963) in mansioni equivalenti o finanche inferiori, al fine di evitare la risoluzione del rapporto di lavoro, fermo restando l’onere del lavoratore di indicare puntualmente le posizioni lavorative vacanti dove avrebbe potuto essere riutilizzato (ex multis: Cass. civ., sez. lav., 21 marzo 2003, n. 4187; Cass. civ., sez. lav., 8 febbraio 2011, n. 3040).
In altri termini, il datore di lavoro deve fornire nell’ambito dell’eventuale giudizio la prova di aver assolto al c.d. obbligo di repechage.
Nella vigenza dell’art. 18, l. n. 300/70, vecchia formulazione (ovviamente per le imprese cui si applica la tutela reale), la violazione del suddetto obbligo avrebbe comportato la reintegra del lavoratore.
A seguito delle modifiche normative apportate all’art. 18, l. n. 300/70 dalla l. n. 92/12 (meglio nota come “riforma Fornero”), si sono posti sul punto alcuni dubbi interpretativi, ovverosia se la violazione dell’obbligo di repechage non dovesse farsi rientrare nelle “altre ipotesi in cui non ricorrono gli estremi del giustificato motivo” (art. 18, comma 7), per le quali è prevista l’applicazione dell’art. 18, comma 5, ovverosia la risoluzione del rapporto di lavoro con la sola corresponsione di un’indennità risarcitoria da 12 a 24 mensilità.
Per mera chiarezza di riferimento, si rammenta che ai sensi dell’art. 18, comma 7, il Giudice procede alla reintegra del lavoratore nell'ipotesi in cui accerti la manifesta insussistenza del fatto posto a base del licenziamento per giustificato motivo oggettivo; nelle altre ipotesi, invece, applica la disciplina di cui all’art. 18, comma 5, secondo cui il Giudice, pur accertando profili di illegittimità del licenziamento, dichiara comunque risolto il rapporto di lavoro e si limita a condannare il datore al risarcimento del danno (appunto, dalle 12 alle 24 mensilità), tenendo conto dell'anzianità del lavoratore, del numero dei dipendenti occupati, delle dimensioni dell'attività economica, del comportamento e delle condizioni delle parti nonché delle iniziative assunte dal lavoratore per la ricerca di una nuova occupazione.
Sul suddetto tema si sono avute le prime pronunce della giurisprudenza di merito, in particolare del Tribunale di Milano (ordinanza del 28 novembre 2012), del Tribunale di Roma (ordinanza dell’8 agosto 2013) e del Tribunale di Varese (ordinanza del 4 settembre 2013), secondo cui la violazione dell’obbligo di repechage non comporta la reintegra del lavoratore, ma la conseguenza è solo un’indennità risarcitoria purchè si accerti, nel corso del giudizio, che la soppressione del posto di lavoro è stata effettiva e non fittizia.
Nelle suddette ordinanze si specifica, difatti, che il fatto del quale valutare la sussistenza è soltanto il venir meno della posizione lavorativa, mentre l’obbligo di verificare se esiste o meno una possibilità di ricollocazione rappresenta una mera conseguenza del fatto, alla quale, tuttavia, il datore di lavoro è tenuto al fine di non incorrere nella condanna sebbene, come appena riferito, di natura esclusivamente economica.

 

pdf-iconVersione stampabile