Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Tempestività del recesso per superamento del periodo di comporto.

17 novembre 2015

Con la recentissima sentenza n. 20722 del 15 ottobre 2015, la Corte di Cassazione è tornata a pronunciarsi in merito alla necessaria tempestività del recesso datoriale in caso di licenziamento per superamento del periodo di comporto.
Tale pronuncia, nel confermare un orientamento giurisprudenziale ormai consolidato sul punto, ha ribadito come detto recesso non possa considerarsi legittimo ove intervenga a distanza di un considerevole lasso di tempo rispetto alla data di superamento del comporto da parte del lavoratore.
La fattispecie oggetto della sentenza in esame riguarda un caso nel quale il dipendente, cessata la malattia che aveva determinato il superamento del periodo di tutela in questione, veniva dapprima riammesso in servizio e posto in ferie, per poi essere licenziato solo successivamente ad un’ulteriore assenza per malattia.
Impugnato il licenziamento, il lavoratore ne vedeva dichiarata l’illegittimità, successivamente confermata anche in appello, sul presupposto per cui l’avvenuta ripresa dell’attività lavorativa ed il considerevole lasso di tempo con cui il datore di lavoro aveva soprasseduto al recesso, venivano valutate dai giudici di merito quali circostanze idonee ad escludere il necessario nesso causale tra il superamento del periodo di comporto ed il licenziamento.
In senso conforme a siffatto orientamento, la Suprema Corte, chiamata a pronunciarsi sul punto, ha ritenuto che la parte datoriale, non essendosi opposta al rientro del dipendente in servizio pur essendo stato superato il comporto - ed avendo lasciato trascorrere un notevole lasso di tempo prima di intimare il licenziamento - avesse posto in essere un comportamento acquiescente incompatibile con la volontà di avvalersi del potere di recesso.
La giurisprudenza di legittimità è, infatti, concorde nel sostenere come l’eventuale prolungata inerzia del datore - che, pur potendo recedere, abbia tuttavia proseguito nell’accettare la prestazione lavorativa - sia indicativa della volontà di rinuncia al potere di recedere e, dunque, idonea a ingenerare nel dipendente un incolpevole affidamento circa la prosecuzione del rapporto di lavoro (cfr. Cass. 24899/11).
Ed invero, come precisato dalla Cassazione, il requisito della tempestività del recesso per superamento del periodo di comporto risponde all’esigenza di tutelare detto legittimo affidamento, evitando che il lavoratore permanga in uno stato di incertezza in merito alle sorti della vicenda contrattuale.
Deve dunque ritenersi che, nella fattispecie in oggetto, la tempestività assuma i connotati di elemento indefettibile, la cui assenza impedisce di ravvisare il necessario collegamento causale fra l’intimazione del licenziamento ed il superamento del comporto addotto a sua giustificazione.
Ciò posto, si evidenzia come nell’impossibilità di ricondurre il concetto di tempestività ad un arco temporale definito e predeterminato, spetti al giudice del merito la valutazione in ordine alla congruità o meno del tempo intercorso fra la ripresa del lavoro ed il licenziamento.
Al riguardo, si evidenzia, altresì, come ai fini di tale indagine il giudice non possa limitarsi a valutare il mero dato temporale, dovendo tenere conto anche di tutte le condotte datoriali indicative di un’eventuale rinuncia implicita al potere di recesso.
Pertanto, ferma restando la facoltà (rectius: l'opportunità) di recedere non appena il lavoratore abbia esaurito il periodo di comporto per malattia - e, quindi, anche prima del suo rientro in servizio - ove il licenziamento venga, invece, intimato successivamente a tale momento, sarà opportuno che con la riammissione sul posto di lavoro non concorrano altre corcostanze (quali, a titolo meramente esemplificativo, la concessione di permessi e congedi parentali), incompatibili con l’intenzione di risolvere il rapporto.
Costantino & Partners

 

 

pdf-icon versione stampabile