Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Licenziamento per giusta causa e motivazione del provvedimento in fattispecie analoghe

3 novembre 2015

Sovente accade che impugnato il provvedimento espulsivo in sede giudiziale, il lavoratore invochi (quale fondante argomentazione  a sostegno dell’illegittimità del licenziamento), la disparità di trattamento che sarebbe stata operata dal proprio datore di lavoro circa la valutazione della condotta contestata rispetto a fattispecie del tutto analoghe contestate ad altri dipendenti.
Da sempre, la più accreditata dottrina si è spesa nell’evidenziare la necessità di non confondere la c.d. tutela antidiscriminatoria (prevista per ipotesi tipizzate e con onore probatorio a carico del lavoratore) dall’inesistente e troppo spesso richiamato “principio generale di parità di trattamento dei lavoratori” in forza del quale, secondo i sostenitori di tale posizione, sussisterebbe l’onere a carico del datore di dover giustificare ogni sua determinazione.
Tale non condivisibile principio, sebbene recisamente escluso da una pronuncia della Cassazione a Sezioni Unite (ancorché ormai risalente, cfr. Cass. S.U. 6030/1993), ha trovato nel corso del tempo una platea sempre più estesa di giudicanti disposti a valutare con un certo grado di tenuità la responsabilità dei lavoratori circa le mancanze sanzionate con provvedimenti espulsivi, proprio alla luce di un’asserita violazione di tale parità di trattamento.
Ebbene, è con la recente sentenza n. 14251 dell’8 luglio u.s. che la Cassazione ribadisce risolutamente l’irrilevanza di tale principio in ambito disciplinare.
E difatti, gli Ermellini hanno definitivamente ribadito che “ai fini della sussistenza della giusta causa o del giustificato motivo di licenziamento, qualora risulti accertato che l’inadempimento del lavoratore è tale da compromettere irrimediabilmente il rapporto fiduciario, è irrilevante che analoga inadempienza, commessa da altro lavoratore, sia stata valutata differentemente dal datore di lavoro …”.
Nel caso esaminato, infatti, i Giudici di legittimità hanno cassato la decisione della Corte di Appello di Caltanissetta, che riformando la sentenza di primo grado, aveva dichiarato l’illegittimità del licenziamento disciplinare intimato al lavoratore per aver contravvenuto al divieto di introdurre ed assumere bevande alcoliche sul luogo di lavoro.
Il presupposto di tale (già di per se stesso criticabile) provvedimento, risiedeva – secondo la Corte territoriale – nell’essere il provvedimento espulsivo non adeguatamente giustificato alla luce dell’irrogazione della sanzione più grave al solo lavoratore e non anche al capo della squadra nel quale egli era inserito che, pur avendo autorizzato la condotta contestata, si era visto intimare la sola sanzione conservativa della sospensione.
In buona sostanza, la Corte di Appello aveva ritenuto il licenziamento illegittimo solo in ragione della disparità di trattamento che, a suo avviso, sarebbe stata applicata dal datore di lavoro per una medesima fattispecie.
Ebbene, la società, presentando ricorso per Cassazione con diversi motivi volti a censurare la non conformità al diritto di tale pronuncia, ha spinto i giudici ad imporre la riformulazione della stessa sulla base di un principio di diritto che ritiene – con riferimento alla valutazione di medesime mancanze – che non possa porsi a carico datore di lavoro “l’onere di fornire, per ciascun licenziamento, la motivazione del provvedimento adottato, comparata con quella assunta in fattispecie analoghe”.
Costantino & partners


 

pdf-iconversione stampabile