Il licenziamento della lavoratrice madre

24 novembre 2017 Il licenziamento della lavoratrice, dall’inizio del periodo di gravidanza fino al primo anno di vita del bambino, è vietato dall’art. 54 del d.lgs. n. 151 del 2001, il quale prevede, tuttavia, alcune tassative eccezioni a tale principio, ammettendolo esclusivamente nelle ipotesi di: “a) colpa grave da parte della lavoratrice, costituente giusta causa per ...

Continua a leggere...

Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Irrogazione del licenziamento prima dello scadere dei cinque giorni dalla contestazione dell’addebito

9/3/2012

La Corte di Cassazione è ritornata, con la sentenza n. 1884 del 9 febbraio 2012, a pronunciarsi in merito alle problematiche riguardanti la possibilità per il datore di lavoro di irrogare la sanzione disciplinare, ivi compreso il licenziamento, prima della scadenza del termine di cinque giorni dalla contestazione dell'addebito, ai sensi dell'art. 7, comma 5, della L. 300/1970.
L’art. 7, 5° comma, L. n. 300/70, prevede, infatti, che: "in ogni caso, i provvedimenti disciplinari più gravi del rimprovero verbale non possono essere applicati prima che siano trascorsi cinque giorni dalla contestazione per iscritto del fatto che vi ha dato causa".
Pertanto, il dubbio interpretativo attiene alla legittimità o meno della sanzione disciplinare irrogata dopo la presentazione delle giustificazioni da parte del lavoratore, ma prima della scadenza del termine di cinque giorni stabilito dalla citata disposizione normativa.
Sull’argomento si sono registrati orientamenti contrastanti della giurisprudenza di legittimità.
Una parte della giurisprudenza tendeva a ritenere legittima la sanzione applicata prima dello spirare del termine dei cinque giorni in quanto, con la compiuta presentazione delle giustificazioni, lo scopo dell’assegnazione del termine sarebbe stato pienamente realizzato laddove il lavoratore non avesse dimostrato alcun interesse concreto al decorso della residua frazione di tempo (ex multis: Cass. 4 maggio 1977, n. 1694; Cass. 26 ottobre 1982, n. 5618; Cass. 21 giugno 1988, n. 4240); mentre, altra parte della giurisprudenza, riteneva che il termine di cinque giorni previsto dall’art. 7 L. n. 300/70 fosse da intendersi quale termine dilatorio a favore del lavoratore, tenuto conto che la funzione di tale termine non è solo di consentire al dipendente di raccogliere le prove, giustificare le mancanza addebitategli e collegarsi con le strutture sindacali, ma anche di assicurare uno spazio temporale (fra contestazione ed irrogazione della sanzione) che, indipendentemente dal comportamento del lavoratore, permetta di adottare una meditata sanzione in una situazione di più consapevole conoscenza di tutti gli aspetti del caso (ex multis: Cass. 25 luglio 1990, n. 7520; Cass. 24 aprile 1991, n. 4484, Cass. 21 luglio 1992, n. 8773).
Successivamente, la Cassazione è intervenuta a Sezioni Unite prima con la sentenza 26 aprile 1994 n. 3965 e poi con la sentenza del 27 marzo 2003 n. 6900, cercando di comporre il contrasto tra orientamenti distinti.
In particolare, con le suddette sentenze si è affermato che il provvedimento disciplinare può essere legittimamente irrogato anche prima della scadenza del termine suddetto allorché il lavoratore abbia esercitato pienamente il proprio diritto di difesa facendo pervenire al datore di lavoro le proprie giustificazioni, senza manifestare alcuna esplicita riserva di ulteriori produzioni documentali o motivazioni difensive.
In particolare, con la sentenza n. 6099/2003, si è ritenuto che il termine di cinque giorni di cui all’art. 7 L. n. 300/70 rientri nella categoria dei termini post quem, nel senso che esso non è volto ad impedire che un determinato atto sia compiuto prima del decorso di un dato tempo, ma ad impedire che ciò avvenga senza che una determinata attività sia stata possibile. Ciò si desume dalla ratio della normativa in esame, volta ad impedire che la irrogazione della sanzione possa avvenire senza che l'incolpato abbia avuto la possibilità di raccogliere e di fornire le prove e gli argomenti a propria giustificazione, sicchè il termine previsto indica il tempo massimo che si ritiene presuntivamente idoneo a consentire le difese.
A tale lettura della norma di cui all’art. 7, la Corte di Cassazione aggiunge altresì che la paventata necessità del datore di lavoro di “meditare” sulla sanzione applicabile non trova alcun esplicito riferimento testuale nella disciplina e peraltro, appare disattesa dal dato incontestabile secondo cui qualora le difese siano spiegate dal lavoratore l’ultimo  giorno utile, allo spirare del termine dei cinque giorni, nessuna illegittimità potrebbe addursi alla sanzione irrogata.
Come anticipato, nonostante, l’intervento delle Sezioni Unite fosse certamente coerente con la ratio sottesa alla disposizione di cui all’art. 7, comma 5, L. n. 300/70, non sono mancate sentenze di legittimità che non hanno condiviso tale impostazione (Cass. 22 aprile 1997, n. 3498; Cass., 7 settembre 2000, n. 11806; Cass. 25 luglio 2002, n. 10972).
Da ultimo, la giurisprudenza di legittimità è ritornata sul tema con la citata sentenza del 9 febbraio 2012, n. 1884.
Nel caso di specie, il ricorrente, nell’eccepire l’illegittimità della sanzione disciplinare irrogata, deduceva la violazione o falsa applicazione dell’art. 7, 5° comma, L. n. 300/70 sostenendo che la corretta interpretazione, secondo il metodo teleologico, del predetto art. 7 sia nel senso che "in ogni caso" il provvedimento del licenziamento non può essere applicato prima che siano trascorsi cinque giorni dalla contestazione e tanto, quindi, a prescindere dalla circostanza che il lavoratore abbia o meno svolto le proprie difese.
La Cassazione, però, nel rigettare il ricorso del lavoratore, ha richiamato nella parte motiva i precedenti delle Sezioni Unite, riaffermando il principio secondo cui il provvedimento disciplinare può essere legittimamente irrogato anche prima della scadenza del termine di cui al citato art. 7, 5° comma, decorrente dal momento della ricezione della contestazione dell'addebito, quando il lavoratore abbia esercitato pienamente il proprio diritto di difesa facendo pervenire al datore di lavoro le proprie giustificazioni, senza manifestare alcuna esplicita riserva di ulteriori produzioni documentali o motivazioni difensive.

 

pdf-iconVersione stampabile