Il licenziamento della lavoratrice madre

24 novembre 2017 Il licenziamento della lavoratrice, dall’inizio del periodo di gravidanza fino al primo anno di vita del bambino, è vietato dall’art. 54 del d.lgs. n. 151 del 2001, il quale prevede, tuttavia, alcune tassative eccezioni a tale principio, ammettendolo esclusivamente nelle ipotesi di: “a) colpa grave da parte della lavoratrice, costituente giusta causa per ...

Continua a leggere...

Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Il licenziamento per raggiunti limiti di età a seguito del Decreto Salva Italia

10/01/2013

Alcune recenti pronunce giurisprudenziali offrono l’occasione per un approfondimento sul tema del c.d. licenziamento per raggiunti limiti di età, sul quale, come noto, il “Decreto Salva Italia” (d.l. 201/2011) emanato dal Governo Monti ha apportato notevoli modifiche.
L’art. 24 del sopra citato decreto, infatti, ha incentivato il proseguimento dell'attività lavorativa sino all’età di 70 anni, prevedendo che sino a tale limite di età anagrafica, la prosecuzione del lavoro determini, oltre un incremento del montante contributivo, anche un miglioramento dei coefficienti di trasformazione.
La medesima disposizione, poi, ha stabilito che “nei confronti dei lavoratori dipendenti, l'efficacia delle disposizioni di cui all'articolo 18 della legge 20 maggio 1970, n. 300 e successive modificazioni opera fino al conseguimento del predetto limite massimo di flessibilità”.
Alla luce di quanto sopra, si è ritenuto in maniera quasi univoca che la norma suddetta abbia innalzato il limite massimo di età, oltre il quale è possibile procedere al licenziamento del lavoro anche in assenza di una giusta causa o di un giustificato motivo, da 65 anni a 70 anni di età anagrafica.
Di avviso contrario, tuttavia, si è manifestato il Tribunale di Roma, il quale, con sentenza del 5 novembre 2013, ha ritenuto che l’utilizzo del termine “incentivato” da parte del legislatore lasci intendere che si tratti di una disposizione programmatica, e cioè un semplice – e non vincolante - “invito alle parti di consentire la prosecuzione del rapporto fino al 70° anno di età”.
Secondo quanto argomentato dal Tribunale di Roma, pertanto, il lavoratore non avrebbe alcun diritto a permanere in servizio sino al predetto limite di età, in quanto tale effetto presupporrebbe la concorde volontà del datore di lavoro.
Tale interpretazione, tuttavia, si scontra inevitabilmente con il tenore letterale dell’art. 24 cit., il quale, oltre a non menzionare in nessun punto la necessità di un consenso datoriale, estende tout court (ed espressamente) la c.d. tutela reale contro il licenziamento (art. 18 dello Statuto dei Lavoratori) sino al compimento del 70° anno di età.
D’altronde, tale estensione temporale dell’efficacia dell’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori risulta confermata anche dalle sentenze della Corte d’Appello di Torino del 24 ottobre 2013 e del Tribunale di Genova del 12 novembre 2013, le quali, nondimeno, hanno escluso che tale effetto si produca nei confronti dei lavoratori che, alla data del 31 dicembre 2011, già erano in possesso dei requisiti per il pensionamento sulla base della previgente normativa.
Secondo le due sentenze sopra menzionate, infatti, la portata letterale della disposizione contenuta nel Decreto Salva Italia è tale da rendere evidente “che la stessa (nella sua integralità e, dunque, anche nella parte che prevede incentivi alla prosecuzione dell’attività lavorativa e stabilità reale del posto di lavoro fino al settantesimo anno di età) si riferisce unicamente ai lavoratori che raggiungono l’età pensionabile dopo il 31 dicembre 2011 secondo i nuovi requisiti” (cfr. Corte d’Appello di Torino, cit.).
Tale posizione – seppur più coerente con il tenore letterale della norma rispetto a quella assunta dal Tribunale di Roma – presenta tuttavia notevoli incertezze interpretative, in quanto, nonostante la sicura affermazione dei giudici di cui trattasi, non è affatto chiaro che l’art. 24 cit. si riferisca unicamente ai lavoratori pensionabili a partire dal 1 gennaio 2012.
Tale distinzione, infatti non è introdotta dalla disposizione, né è desumibile dalla ratio della norma, che è quella di ritardare il pensionamento dei lavoratori, al fine di realizzare un risparmio previdenziale.
Allo stato, pertanto, in attesa di ulteriori precisazioni da parte della giurisprudenza e della prassi amministrativa dell’Inps, appare opportuno adottare un comportamento prudenziale, evitando di procedere a licenziamenti per raggiunti limiti di età al conseguimento, da parte dei dipendenti, dell’età anagrafica di 65 anni.

 

 

pdf-iconVersione stampabile