Il licenziamento della lavoratrice madre

24 novembre 2017 Il licenziamento della lavoratrice, dall’inizio del periodo di gravidanza fino al primo anno di vita del bambino, è vietato dall’art. 54 del d.lgs. n. 151 del 2001, il quale prevede, tuttavia, alcune tassative eccezioni a tale principio, ammettendolo esclusivamente nelle ipotesi di: “a) colpa grave da parte della lavoratrice, costituente giusta causa per ...

Continua a leggere...

Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

I limiti al diritto di critica

22/11/2013

L’esercizio del diritto di critica da parte del lavoratore, inteso quale facoltà di denunciare l’operato del datore di lavoro ed espressione di diritti costituzionalmente garantiti (artt. 21 e 39 Cost.), può integrare gli estremi di condotta disciplinarmente rilevante, laddove vengano superati i limiti che l’ordinamento al proposito stabilisce.
Ed infatti, il dissenso e la critica di un dipendente alle scelte imprenditoriali e alla gestione aziendale incontrano, anzitutto, dei limiti “esterni” quali quelli concernenti l’onore e la reputazione (art. 2 Cost.) ovvero la libertà dell’impresa (art. 41 Cost.), nonché dei limiti “interni” che segnano il confine del legittimo esercizio del diritto di critica, costituiti dalla verità oggettiva dei fatti (c.d. continenza sostanziale) e dalla liceità delle forme espressive utilizzate (c.d. continenza formale  - Cass. n. 7884/1997).
Recentemente, la Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 7499 del 20 marzo 2013 ha ritenuto legittimo il licenziamento del dipendente per una denuncia contro l’azienda rivelatasi eccessiva e infondata, nella logica di un orientamento giurisprudenziale univocamente teso a tutelare il datore di lavoro allorquando le critiche del lavoratore, superando la verità oggettiva, si traducano in una condotta lesiva del decoro dello stesso (in tal senso Cass. Civ. n. 29008 del 2008).
Ebbene, con la pronuncia in commento, la Corte di Cassazione ha respinto il ricorso di un dipendente impiegato presso l’inceneritore di Piacenza volto ad ottenere la declaratoria di illegittimità del licenziamento irrogatogli dalla società datrice di lavoro a seguito della contestazione di plurimi addebiti disciplinari per aver utilizzato uno strumento, quale quello della denuncia, per finalità abusive e distorte con toni ed espressioni colorite in modo da screditare l’operato della società e suscitare un grave allarme.
Sostanzialmente, il dipendente in questione aveva inviato un esposto all’Ispels, alla Asl, all’ispettorato del lavoro, all’Inail e al RINA (quale istituto di certificazione) denunciando che in occasione di un guasto alla caldaia dell’azienda egli non era stato avvisato, sebbene fosse il responsabile, e che i delicati lavori di riparazione (effettuati da due tecnici carenti, a dire del ricorrente, di qualificata professionalità) non erano stati eseguiti a regola d’arte, così mettendo a rischio i lavoratori.
La denuncia si era poi rivelata non veritiera in quanto, successivamente all’esposto del lavoratore, un’ispezione da parte dell’Ispels non aveva evidenziato alcun pericolo né per il personale, né per la popolazione vicina, rilevando, pertanto, che la riparazione era stata fatta in modo adeguato.
Gli ermellini, aderendo all’interpretazione dei Giudici di secondo grado, hanno rigettato il ricorso proposto dal lavoratore avverso la sentenza d’appello ricordando come la Corte territoriale, dopo aver rilevato che la facoltà di denuncia del lavoratore non è di per sé illegittima, “con motivazione in fatto logica ed incensurabile in questa sede” ha confermato che “non ricorrevano i presupposti della continenza sostanziale e formale”.
In particolare, la Suprema Corte ha ritenuto ineccepibile l’analisi compiuta dalla Corte d’appello di Bologna secondo la quale le espressioni adoperate dal lavoratore (quali per esempio l’utilizzazione delle locuzioni “mettendo una pezza come si faceva un tempo sugli strappi dei pantaloni e facendo un fritto misto”) sono state ritenute idonee “a screditare il datore di lavoro ed a lederne l’immagine e, sotto il profilo della c.d. continenza formale, era carente di misura, correttezza ed obiettività, trascendendo il mero intento informativo, mentre, sotto il profilo della c.d. continenza sostanziale, conteneva accuse risultate non fondate … e frutto, piuttosto della reazione di chi ritenendosi professionalmente non considerato ... e non ricevendo l’auspicato supporto a livello sindacale … spera nel sostegno degli istituti competenti”.

 

 

pdf-iconversione stampabile