Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Contributo ASpI in caso di licenziamento

07/06/2013

Il prossimo 16 giugno scadono i termini per il versamento del contributo ASpI relativo alle cessazioni avvenute dal 1° gennaio 2013 al il 30 aprile 2013.
La circolare Inps n. 44 del 22 marzo 2013, infatti, in assenza di indicazioni normative, ha precisato che l’obbligo contributivo di cui trattasi deve essere assolto entro e non oltre il termine di versamento della denuncia successiva a quella del mese in cui si verifica la risoluzione del rapporto di lavoro.
Di conseguenza, il termine per il versamento del contributo per i licenziamenti avvenuti nel mese di aprile 2013 scadrà, come sopra anticipato, proprio il 16 giugno p.v.
In sede di prima applicazione, inoltre, la suddetta circolare ha altresì stabilito che, in relazione alle interruzioni di rapporti di lavoro a tempo indeterminato intervenute nei periodi di paga da gennaio a marzo 2013, il versamento del contributo in questione potrà essere effettuato, senza aggravio di oneri accessori, entro il giorno 16 del terzo mese successivo a quello di emanazione della circolare medesima.
Per quanto sopra, la data del 16 giugno p.v. costituisce la prima scadenza relativa all’adempimento in questione.
Il contributo di cui trattasi, come noto, è stato previsto – a carico dei datori di lavoro – dalla Riforma Fornero (art. 2, comma 31, l. 92/2012), la quale ne impone il pagamento in tutti i casi di interruzione involontaria di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato e di apprendistato.
In via generale, pertanto, restano escluse dal campo d’applicazione di tale obbligo contributivo solamente le cessazioni avvenute per dimissioni (ad eccezione di quelle per giusta causa o intervenute durante il periodo tutelato di maternità), per risoluzioni consensuali (ad eccezione di quelle derivanti da procedura di conciliazione preventiva in caso di licenziamento per g.m.o., nonché da trasferimento del dipendente ad altra sede della stessa azienda distante più di 50 km dalla residenza del lavoratore e\o mediamente raggiungibile in 80 minuti o più con i mezzi pubblici) o per decesso del lavoratore.
Quanto alla misura del contributo, a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2013 (l. 228/2012), si rammenta che lo stesso è pari al 41% del massimale mensile di ASpI (1.180 euro mensili, rivalutati annualmente sulla base dell’inflazione) per ogni dodici mesi di anzianità aziendale negli ultimi tre anni, inclusi anche i periodi di lavoro con contratto diverso da quello a tempo indeterminato, se il rapporto è proseguito senza soluzione di continuità.
Ne consegue che, come precisato dall’Inps con la citata circolare n. 44/2013, per le interruzioni di rapporti di lavoro a tempo indeterminato intervenute nel 2013, a decorrere dal 1 gennaio, per ogni dodici mesi di anzianità aziendale negli ultimi tre anni, la contribuzione da versare sarà pari a € 483,80 (€ 1.180X41%).
Per i soggetti che possono vantare almeno 36 mesi di anzianità aziendale, l’importo massimo da versare nel 2013 sarà, quindi, € 1.451,00 (€ 483,80 X 3).
La medesima circolare sopra richiamata, inoltre, precisa che il contributo non è correlato all’importo della prestazione individuale e che, pertanto, lo stesso è dovuto nella misura indicata, anche nel caso di contratti a tempo parziale.
Per i rapporti di lavoro inferiori a dodici mesi, invece, il contributo deve essere rideterminato in proporzione al numero dei mesi di durata del rapporto di lavoro, considerando mese intero quello in cui la prestazione lavorativa si sia protratta per almeno 15 giorni di calendario.

 

pdf-icon Versione stampabile