Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Ultime indicazioni in merito ai c.d. lavori usuranti

09/09/2011

Con la recente circolare n. 22 del 10 agosto 2011, il Ministero del Lavoro ha fornito alcune ulteriori indicazioni operative per l’applicazione della nuova normativa in materia di pensionamento anticipato per gli addetti ai lavori usuranti (d.lgs. 67/2011), in attesa dell’emanazione di un decreto ministeriale che completerà la regolamentazione della materia.
La suddetta circolare, ribadisce che – come anticipato con precedente nota (disponibile alla pagina web http://www.studiocostantino.it/images/stories/ARIS_notizie_n_7.pdf) , alla quale si rimanda per completezza – il c.d. prepensionamento spetta unicamente a quei dipendenti addetti alle lavorazioni definite usuranti dal d.lgs. 67/2011.
In particolare, per quanto riguarda le strutture sanitarie, la fattispecie prevalente è quella dei lavoratori notturni. Al riguardo, la circolare precisa che il beneficio in questione spetta unicamente alle seguenti categorie di dipendenti:
• lavoratori a turni ex art. 1, comma 2, lett. g), D.Lgs. n. 66/2003 (ossia qualsiasi lavoratore, di tutti i settori di attività, il cui orario di lavoro sia inserito nel quadro del lavoro a turni), che prestino la loro attività nel periodo notturno come definito alla lett. d) del predetto comma 2 (ossia il periodo di almeno sette ore consecutive comprendenti l'intervallo tra la mezzanotte e le cinque del mattino), per almeno 6 ore per un numero minimo di giorni lavorativi all'anno:

  • non inferiore a 78 per coloro che maturano i requisiti per l'accesso anticipato nel periodo compreso tra il 1° luglio 2008 e il 30 giugno 2009
  • non inferiore a 64 per coloro che maturano i requisiti per l'accesso anticipato dal 1° luglio 2009;

• al di fuori dei casi di cui al punto precedente, lavoratori che prestino la loro attività per almeno tre ore nell'intervallo tra la mezzanotte e le cinque del mattino di cui all'art. 1, comma 2, lett. d), del d.Lgs. n. 66/2003, per periodi di lavoro di durata pari all'intero anno lavorativo; al riguardo, come già precisato nella precedente nota sopra richiamata, deve ritenersi che, con tale dizione, il legislatore abbia inteso riferirsi a quei lavoratori che prestino attività notturna in tutti i giorni in cui è prevista la prestazione lavorativa (ad eccezione, pertanto, di quelli di riposo).
Il recente intervento del Ministero del Lavoro, ha ulteriormente precisato che – ai fini della sussistenza del diritto al prepensionamento – è necessario che i lavoratori precedentemente indicati abbiano svolto una o più delle attività lavorative definite usuranti, per un periodo di tempo pari:
• ad almeno sette anni, compreso l’anno di maturazione dei requisiti, negli ultimi dieci di attività lavorativa, per le pensioni aventi decorrenza entro il 31 dicembre 2017;
• ad almeno la metà della vita lavorativa complessiva, per le pensioni aventi decorrenza dal 1° gennaio 2018.
Qualora sussistano le condizioni sopra illustrate, i dipendenti possono accedere al beneficio del pensionamento anticipato (per la cui entità si rimanda alla nota precedentemente pubblicata), presentando una domanda alla sede territoriale dell’ente previdenziale competente entro il 30 settembre 2011 (qualora abbiano già maturato o maturino i requisiti agevolati entro il 31 dicembre 2011) ovvero entro il 1° marzo dell'anno di maturazione dei requisiti agevolati qualora tali requisiti siano maturati a decorrere dal 1° gennaio 2012.
In caso di presentazione tardiva della domanda, è previsto il differimento del diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico anticipato pari a:
• un mese, per un ritardo della presentazione compreso in un mese;
• due mesi, per un ritardo della presentazione compreso tra un mese e due mesi;
• tre mesi per un ritardo della presentazione di tre mesi ed oltre.
Quanto ai contenuti della domanda, la circolare in esame dispone che, ai fini della procedibilità dell’istanza, il lavoratore debba:
• indicare la volontà di avvalersi, per l'accesso al pensionamento, del beneficio di cui al d.lgs. 67/2011;
• specificare i periodi per i quali è stata svolta ciascuna delle attività lavorative usuranti;
• allegare, in relazione alla specifica tipologia di lavorazione, la corrispondente documentazione minima necessaria.
Al riguardo, il Ministero ha predisposto una apposita tabella, indicante la documentazione minima richiesta a seconda della lavorazione svolta dal dipendente.
In particolare, per ciò che attiene ai lavoratori notturni, la suddetta tabella dispone che il dipendente debba fornire all’ente previdenziale:
almeno uno dei seguenti documenti: libro matricola, libro unico del lavoro, libretto di lavoro, comunicazioni al Centro per l’impiego di assunzione, cessazione e variazione del rapporto di lavoro;
tutti i seguenti documenti: prospetti paga con indicazione delle maggiorazioni per lavoro notturno, contratto individuale di lavoro indicante anche il contratto collettivo applicabile.
Il datore di lavoro è tenuto a rendere disponibile tale documentazione (in copia, autenticata dallo stesso datore) entro trenta giorni dalla richiesta, nei limiti, tuttavia, degli obblighi di conservazione della stessa. In proposito, viene precisato che non è possibile, per le aziende, rilasciare dichiarazioni o certificazioni sostitutive dei documenti in questione.
Infine, con la circolare n. 22/2011, il Ministero è intervenuto anche in merito agli obblighi di comunicazione gravanti sui datori di lavoro.
Come già precedentemente illustrato, infatti, il d.lgs. 67/2011 dispone che il datore di lavoro, qualora occupi lavoratori notturni che possono beneficiare del pensionamento anticipato, debba comunicare, con periodicità annuale, alla DPL e ai competenti istituti previdenziali, l'esecuzione di lavoro notturno svolto in modo continuativo o compreso in regolari turni periodici.
In sede di prima applicazione, i datori di lavoro sono tenuti a presentare entro il 30 settembre 2011 la comunicazione relativa al lavoro notturno svolto nell’anno 2010, ed entro il 31 marzo 2012 quella relativa al lavoro notturno del 2011 (Ministero del Lavoro, circ. 15/2011).
In proposito, tuttavia, le modalità operative per l’effettuazione di tali comunicazioni – le quali avrebbero dovuto essere rese note il 20 luglio scorso (mediante la predisposizione del modello “LAV-NOT”) – non sono ancora state emanate.
Per quanto sopra, il Ministero, mediante l’ultima circolare del 10 agosto scorso, pur rimandando ogni indicazione in merito ad un successivo intervento chiarificatore, ha invitato “tutto il personale ispettivo a tener conto delle oggettive difficoltà legate anche alla verifica circa la sussistenza dei presupposti per l'assolvimento dei predetti obblighi che incidono, evidentemente, sulla concreta esigibilità degli stessi, nell'ottica di una azione ispettiva essenzialmente volta a sanzionare esclusivamente fenomeni di irregolarità sostanziale e non meramente formale e burocratico”.

 

pdf-icon Versione stampabile