Contestazione disciplinare ed accesso del lavoratore alla relativa documentazione.

17 novembre 2017 Con una recente sentenza (Cass. 23408/17), la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi su una materia spinosa e che dà sovente luogo a contenziosi giudiziari, vale a dire il diritto del lavoratore - al quale sia stata contestata una mancanza disciplinarmente rilevante - di avere contezza sin da subito della documentazione sulla quale gli addebiti si fondano, al fine di un ...

Continua a leggere...

Incentivo strutturale all'occupazione giovanile stabile

10 novembre 2017 Il DDL Bilancio 2018, all’esame del Senato della Repubblica dal 29 ottobre u.s. con numero A.S.2960, prevede una nuova versione (la 4.0) degli sgravi contributivi con cui, a partire dal 2015, il Governo Renzi e, poi, il Governo Gentiloni hanno tentato di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato.Come noto, infatti, le predette assunzioni – nel rispetto di alcune...

Continua a leggere...

Accordo sindacale sul premio di produttività

  Il 7 novembre 2017 è stato siglato presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano un importante accordo sindacale nel quale, grazie ad una proficua collaborazione con le OO.SS., si prevede l’erogazione di tutto il premio di produttività tramite welfare aziendale per quattro anni con somme crescenti.Grazie a tale accordo i lavoratori potranno beneficiare di un va...

Continua a leggere...

Avviate le trattative sindacali per il personale non medico

27 luglio 2017 Pubblichiamo la comunicazione congiunta resa da Aris e Aiop sull'apertura del tavolo negoziale. Comunicazione di Aris e Aiop

Continua a leggere...

Accordo per i servizi minimi essenziali in caso di sciopero

14 luglio 2017 Pubblichiamo l'accordo sui servizi minimi essenziali in caso di sciopero, recentemente sottoscritto presso l'Istituto Clinico Città di Pavia. verbale di accordo

Continua a leggere...

Convertita in legge la manovra finanziaria correttiva 2017

27 giugno 2017 Sulla G.U. del 23 giugno u.s., è stata pubblicata la legge di conversione della manovra finanziaria correttiva predisposta dal Governo e molto discussa negli ultimi periodi (l. 96/2017).Per quanto riguarda gli aspetti giuslavoristici, la legge – oltre ad introdurre, come anticipato con precedente news del 19 giugno u.s., la disciplina delle prestazioni occasionali (al fine di sosti...

Continua a leggere...

Corsi di formazione

20 aprile 2017 Ripartono i corsi di formazione dell'Aris e di Costantino&partners. Di seguito il calendario degli incontri corredato da una breve sintesi sui principali argomenti che saranno, di volta in volta, affrontati. Calendario corsi Le relazioni sindacali

Continua a leggere...

Consiglia

Quali oneri per il datore di lavoro per la festività del 17 marzo?

Quali oneri per il datore di lavoro per la festività del 17 marzo?

Con l'emendamento di cui diamo conto in altra pagina  sembrano finalmente delinearsi le modalità di trattamento della festività del 17 marzo.

L'obiettivo legislativo di "evitare nuovi e maggiori oneri" finalmente trova concretezza, rendendo così vani i tentativi di alcune parti sindacali della sanità privata tendenti ad acquisire la festività in parola, senza riconoscere alcuna compensazione con le festività soppresse, argomentando sul fatto che il ccnl della sanità privata non contempli la giornata del 4 novembre tra le festività soppresse.

Fortunatamente l'emendamento in parola accoglie in toto l'interpretazione che sulla questione avevano fornito Aris ed Aiop, e consente di limitare a tre le giornate di ferie aggiuntive.

E di questo si deve dare atto soprattutto ad Emma Marcegaglia, che è stata la prima a battersi affinché i costi dell'introduzione di una nuova giornata festiva non ricadessero interamente in capo alle aziende.

Anche se, a dire il vero, il successo resta comunque parziale, poiché non sarebbe del tutto corretto sostenere che siano stati evitati tutti i nuovi e maggiori oneri: le aziende, infatti, dovranno ugualmente sostenere i costi connessi con il trattamento di una normale giornata festiva (si pensi all'indennità festiva, allo straordinario festivo e agli altri istituti contrattuali simili).

Possiamo quindi sostenere che i maggiori oneri sono stati limitati, rispetto a quelli che si prospettavano allorquando la festa del 17 marzo è stata istituita; ma certo non sono stati del tutto evitati.

D'altra parte, in periodi in cui le aziende che operano nel settore sanitario e socio assistenziale devono subire di continuo trattamenti particolarmente penalizzanti, la limitazione di questi maggiori oneri appare quasi un riconoscimento!

GCost